25 Luglio 2021 - 8.24

BUONGIORNO VICENZA: FRATELLI…COLTELLI

Il fuoco amico di Fratelli d’Italia torna a turbare la tranquillità di Francesco Rucco proprio mentre festeggia i 30 milioni assicurati dal Governo per rimettere in ordine parti significative della città, uno su tutti l’area dei Giardini Salvi, con l’ex Cinema Arlecchino, l’ex Fiera e la gloriosa scuola elementare Giusti. 

La conferenza stampa dell’altro giorno, infatti, che doveva presentare i vertici cittadini e provinciali di Fratelli d’Italia, mette in ombra il lancio di una nuova classe dirigente, Silvio Giovine e Mattia Ierardi in primis, per mandare, au contraire, messaggi al navigante che sta al timone di Comune e Provincia. Con il consigliere regionale Joe Formaggio, nuovo battutista della Destra berica, che provoca fantasticando sulla candidatura di Giacomo Possamai e con gli altri colonnelli del partito meloniano in pressing su Rucco perché sciolga la riserva e dichiari se si ricandiderà o no nel 2023, altrimenti il candidato lo cercano loro (come a Roma, Milano, Torino….).

Come si traduce con il linguaggio dei non addetti ai lavori la battuta e il messaggio dei Fratelli Coltelli vicentini? Sicuramente la linea di governo del Sindaco ha poco a che fare con la destra sovranista e le scelte di Rucco contengono i fondamenti di una grammatica amministrativa fatta di concretezza – l’acquisto di Palazzo Thiene, il maquillage nell’area di Campo Marzo, il recupero dell’ex Tribunale a Santa Corona per realizzare un polo bibliotecario di eccellenza, ecc. – e di moderazione. Dove altri provocano o attaccano, Rucco sfuma e attenua, mentre si concentra sul rafforzamento dei suoi civici e su un dialogo stretto con la Lega più riformista. Così mentre il pressing dei Fratelli ha funzionato su Verona, con Federico Sboarina che prima chiede sostegno al Carroccio e poi si arruola con la Meloni, a Vicenza Francesco Rucco resiste tanto alle sirene che alle provocazioni di una destra probabilmente preoccupata che il Sindaco restituisca lo sgarbo veronese imbarcandosi con Salvini. Una lettura, quella dei meloniani, possibile, ma fuori contesto e tipica di chi legge la politica cittadina dalle periferie lontane e con informazioni di seconda mano. 

Oltre al rischio della nemesi salviniana su Vicenza vi è poi lo scouting assiduo che Fratelli d’Italia, forte dei sondaggi nazionali che lo danno come primo o al massimo secondo partito, sta attuando sui territori, cercando di arruolare amministratori in cerca di una casa che garantisca loro un percorso oltre il doppio mandato di sindaci. E parallelamente ai sondaggi spuntano ad ogni incontro nuove leve amministrative con la vocazione tardiva a destra.

In tutto questo fiorire di battute e messaggi ai naviganti rimane, purtroppo, un grande assente, la politica.

AIM AMBIENTE N VERDE
AMCPS COMUNICH
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
READY2GO
CHECKPOINT
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
READY2GO
CHECKPOINT
UNICHIMICA