23 Novembre 2022 - 17.35

Allarme in Europa: scarseggiano i farmaci, ecco perché

In Italia non se ne parla ancora, ma in Francia l’allarme è stato lanciato e a quanto pare la carenza di farmaci è una questione europea. “Ci manca tutto” dichiara preoccupato a Lc1France Pierre-Olivier Variot, presidente dell’Unione dei sindacati dei farmacisti comunitari (USPO). In Francia, “il numero di farmaci esauriti è enorme”, avverte, mentre le aziende faticano a fornire trattamenti essenziali come l’amoxicillina, un antibiotico ampiamente prescritto nei bambini per combattere una serie di infezioni batteriche come alcune otiti e polmonite.

Sugli scaffali delle farmacie francesi manca il paracetamolo, così come “antipertensivi, antidiabetici o farmaci antitumorali” , precisa Pierre-Olivier Variot. Un fenomeno tutt’altro che limitato alla Francia poiché colpisce la maggior parte dei paesi europei oltre a Stati Uniti e Canada.

Dito puntato sulla globalizzazione

Questa situazione è dovuta a diversi fattori. Nel complesso, “c’è un aumento della domanda in relazione alla produzione”, spiega il presidente dell’Uspo. «Questo problema spiega, ad esempio, le carenze di paracetamolo quando la domanda è aumentata vertiginosamente». Una constatazione condivisa dall’Agenzia pubblica del farmaco (Ansm), che il 18 novembre stimava che “le scorte non erano al livello abituale” e che “le linee di produzione devono essere riavviate”. 

Anche la globalizzazione viene additata. La maggior parte degli stabilimenti produttivi si trova in Asia e in caso di problemi sulla catena produttiva, “il rischio di rottura è subito molto alto” per i Paesi importatori, ha precisato Leem, la principale lobby francese del settore farmaceutico. Altra spiegazione: per mancanza di un modello economico per certe cure, come gli antibiotici, spesso già venduti in forma generica, i grandi laboratori tendono a trascurare le malattie o a trascurare i mercati in via di sviluppo.

La Francia soffre anche di un altro fattore che la penalizza sul fronte dell’offerta: “La Francia è il Paese in cui i medicinali costano meno in Europa, quindi ci sono produttori che produrranno medicinali e quando produrranno 100 scatole che sono destinate al mercato francese, magari preferiscono venderne solo 80 alla Francia e 20 altrove dove il paese pagherà di più per loro come Spagna, Germania o Italia”, sottolinea Pierre-Olivier Variot.

Difficoltà tutt’altro che recenti, ma la situazione sembra peggiorare quest’anno, soprattutto in Francia. “Nel 2021, sono state segnalate 900 interruzioni di fornitura durante tutto l’anno. In Francia siamo a 600 in un semestre, quindi c’è chiaramente un peggioramento della situazione”, ha sottolineato questo fine settimana, a Ouest France , Thomas Borel, direttore scientifico di Leem. Da parte sua, il gruppo di interesse economico (GIE) Gers , che fornisce dati esaustivi sulla fornitura di farmaci a farmacie e ospedali in Francia, stima che il tasso di “tensione” – vale a dire l’incapacità di una farmacia di rifornirsi per almeno una settimana – aumentato.

Di fronte a questa situazione, la necessità di una delocalizzazione della produzione trova relativamente consenso nei discorsi del governo agli industriali attraverso gli analisti. La sua portata rimane tuttavia dibattuta e nel frattempo le autorità hanno assicurato che la carenza di farmaci sarebbe stata risolta “nelle settimane, nei mesi a venire”. 

Domenica 20 novembre, su LCI, il ministro della Salute, François Braun, ha ammesso “tensioni sui nostri stock di farmaci” prima di avanzare che “il problema, che è importante, è che non si tratta di farmaci prodotti in Francia”. Ha quindi evidenziato il piano di investimenti “Francia 2030” del governo che mira a “rimpatriare tutte queste industrie, che producono questi farmaci essenziali in Francia, in Europa per garantire la nostra sovranità”. 

AGSM AIM
CAPITALE CULTURA
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
ABALTI
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

AGSM AIM
CAPITALE CULTURA
ABALTI
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
UNICHIMICA