10 Maggio 2022 - 12.16

I droni dell’Arzignano Robotic Team esploreranno il Chiampo metro per metro

Sostenibilità, il Chiampo sarà esplorato metro per metro dai droni dell’Arzignano Robotic Team

“50 anni fa il Chiampo cambiava colore ogni giorno per gli scarichi incontrollati delle decine e decine di concerie che stavano nascendo e i pesci morivano avvelenati. Oggi sono tornate nelle rogge di Arzignano le trote che si trovano solo in acque pulite, segno che il fiume è tornato a vivere”. 

Bruno Bruna, presidente dell’associazione culturale Connessioni Didattiche per la promozione della cultura informatica, ha presentato in biblioteca Bedeschi ad Arzignano il nuovo progetto dedicato all’ambiente dall’Arzignano Robotic Team (Art) che dirige con il sostegno del Comune di Arzignano e di Acque del Chiampo, alla presenza del sindaco Alessia Bevilacqua, del vice presidente di Acque del Chiampo Guglielmo Dal Ceredo e del direttore generale Andrea Chiorboli.

“Dal prossimo ottobre un drone mapperà ogni metro del percorso del Chiampo, dalla sorgente sul monte Gramolon attraverso Crespadoro, Altissimo, San Pietro Mussolino, Chiampo e fino all’arrivo ad Arzignano e ad Acque del Chiampo. Un viaggio per scoprire la rinascita del corso d’acqua e per far riflettere sulla necessità dello sviluppo sostenibile per preservare la risorsa idrica e l’ambiente” ha spiegato Bruna.

Poco prima dell’annuncio del progetto dal titolo “Quando l’acqua cambiava colore – 50 anni dopo”, Bruna, insieme ai ragazzi – tutti tra i 10 e i 14 anni e provenienti da tutta la vallata del Chiampo – del laboratorio dell’Arzignano Robotic Team (che in biblioteca Bedeschi ha la sua sede), aveva presentato al Comune di Arzignano e ad Acque del Chiampo il risultato del progetto MiniMaker Automatic Waste realizzato nel corso dell’anno scolastico 2021/22: un prototipo di cestino intelligente con braccio robotico programmato per riconoscere i rifiuti e differenziarli nel contenitore corretto fra i 5 a disposizione, sfruttando il riconoscimento degli oggetti attraverso l’intelligenza artificiale

“Sono rimasta veramente sorpresa dalla vostra bravura – ha detto il sindaco di Arzignano,  Alessia Bevilacqua agli studenti dopo la dimostrazione -. Siamo felici di poter supportare un progetto così affascinante e importante per la formazione di questi piccoli scienziati. Continuate così, con la passione e l’impegno che avete dimostrato in questo progetto”.

“Seguiamo i vostri progetti da anni – hanno aggiunto il vice presidente di Acque del Chiampo, Guglielmo Dal Ceredo, e il direttore generale Andrea Chiorboli -. L’aspetto tecnologico è veramente notevole e si unisce all’attenzione per l’ambiente e per la sostenibilità. I risultati raggiunti e i riconoscimenti nazionali ricevuti dimostrano la validità dei progetti e la preparazione e l’abilità dei giovani che li hanno realizzati con il professor Bruna”.

“Grazie al Comune di Arzignano e ad Acque del Chiampo che con il sostegno concreto e la disponibilità dimostrata hanno reso possibile tutto questo – ha commentato il professor Bruno Bruna, che dopo oltre 40 anni di insegnamento ha proseguito il suo impegno per i ragazzi con l’associazione culturale Connessioni Didattiche -. Con i contributi ricevuti, abbiamo potuto comprare attrezzature di altissima qualità, dalle stampanti 3d al braccio robotico ai droni, che rimarranno poi di proprietà della biblioteca a disposizione di tutti. Qui nascerà, dal prossimo ottobre, la palestra digitale dove i ragazzi potranno allenarsi con strumenti e tecnologie all’avanguardia, ovviamente il tutto in maniera gratuita, come si fa con tutto quello che la Biblioteca mette a disposizione”.

Se il 22/23 sarà dedicato alla rinascita del fiume Chiampo e il 21/22 ha riguardato la raccolta differenziata, nel 20/21 (a causa della pandemia che non permetteva laboratori in presenza) due gruppi di giovanissimi programmatori hanno scritto a “80 mani” un ebook sui principi della programmazione utilizzando Python dal titolo “Praticamente Python turtle”, distribuito dalla rete delle biblioteche italiane e liberamente scaricabile. Per questa iniziativa al professor Bruna è stato assegnato il riconoscimento internazionale di “Learning Hero”. 

Nel 2019/20, gli studenti si erano dedicati al progetto Lego Eco Garden, premiato dal Ministero dell’Istruzione, che prevedeva la riprogettazione degli spazi interni della scuola media Zanella, attraverso l’utilizzo di box modulari per la creazione di un giardino pensile in grado di offrire uno spazio adeguato agli studenti per la ricreazione. Nel 2018/19 ad interessare i giovani programmatori era stata invece la vita quotidiana nella stazione spaziale internazionale dove gli astronauti devono fare almeno due ore al giorno di allenamento fisico per compensare l’assenza di gravità che minaccia la loro salute. L’Arzignano Robotic Team ha quindi programmato un tablet per la cyclette nello spazio in grado di simulare tracciati di strade familiari da percorrere virtualmente durante la pedalata, per consentire agli astronauti di sentirsi un po’ più a casa.

Il progetto MiniMaker Automatic Waste è stato realizzato dagli studenti Federico Aloysius,  Alessandro Zorzin, Giovanni Tezza, Parmith Singh,  Nicolò e Lara Capoferri, Gabriele D’Alessandro, Giulio Xompero, Matteo Tadiello, Filippo Parrella, Arianna Giacon, Vittoria Facchin.

CAPITALE CULTURA
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
READY2GO
CHECKPOINT
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

CAPITALE CULTURA
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
READY2GO
CHECKPOINT
UNICHIMICA