19 Maggio 2022 - 11.23

Torna il Giugno Antoniano a Padova e ritornano i fedeli

(dopo il testo il programma: con gli eventi spirituali e gli eventi culturali)

(da comunicato stampa) Dove avremmo dovuto cercare frate Antonio di Lisbona otto secoli fa, nel 1222? All’eremo di Montepaolo, tra le colline a sud di Forlì, dove si era ritirato seguendo altri frati dopo l’incontro con san Francesco ad Assisi nel maggio 1221, dove era arrivato dopo un rocambolesco naufragio che lo aveva portato sulle coste della Sicilia proveniente dal Marocco, dove si era recato missionario dopo aver abbracciato il carisma francescano nel 1220 (tema del Giugno Antoniano 2021). Un triennio pieno di svolte per il giovane Antonio, anche impreviste e imprevedibili, come quella che lo svelò al mondo come uno straordinario annunciatore della Buona Novella, 800 anni fa. A Forlì, a settembre 1222, il giovane frate fu chiamato a sostituire il predicatore designato per una celebrazione solenne. Nonostante fosse straniero, quel frate portoghese riuscì a farsi comprendere da tutti, rivelando la sua profonda cultura biblica. Di lì in poi, lo avremmo incontrato ad annunciare la Parola di Dio per le strade d’Italia e di Francia, e soprattutto in quelle di Padova – luogo in cui la sua predicazione divenne una difesa concreta delle persone povere e deboli, seguendo quello che poi divenne il suo motto “Vangelo e Carità” –, dove tutti lo amavano e chiamavano con quello che ancora oggi in tutto il mondo è noto come il suo nome: sant’Antonio di Padova.

A questo importante anniversario – gli 800 anni della predica di Forlì – è dedicato il Giugno Antoniano 2022, che dopo due anni di pandemia celebra, finalmente, anche il ritorno in presenza, secondo la tradizione, della Solenne processione con la Statua e le Reliquie del Santo il 13 Giugno, Festa di sant’Antonio. Tornano in presenza anche i pellegrinaggi dalle Diocesi del Veneto che caratterizzano la Tredicina dal 31 maggio al 12 giugno. E il via libera comprende anche moltissimi eventi culturali inseriti nel cartellone del Giugno Antonio 2022 che, senza restrizioni, animeranno dal 24 maggio per oltre un mese Padova e alcune località della provincia, come Camposampiero e per la prima volta Piazzola sul Brenta.

Verrà riproposto il “Progetto 13 giugno online” per portare la Solennità del Santo nelle case dei devoti, soprattutto di coloro che non potranno essere presenti nel santuario. Il sito web dedicato e interattivo www.13giugno.org, che ha avuto molto successo nei due anni di pandemia, permetterà non solo di seguire l’intera giornata tramite PC e mobile, ma anche di fare virtualmente tutti quei gesti che si compiono solitamente in basilica, come seguire le messe o scrivere una preghiera a sant’Antonio (che sarà stampata e portata alla Tomba del Santo dai frati), o anche fare una donazione a Caritas Sant’Antonio per i progetti di solidarietà dei frati.                                                                                          

La rassegna di quest’anno avrà un accento particolare sulla devozione antoniana e sulla storia che la caratterizza, con una riscoperta importante. È il caso della cosiddetta «Tavola di Camposampiero», che dopo un intenso e importante restauro sarà esposta per la prima volta nella Cappella del Tesoro in Basilica del Santo a partire dal 1° giugno (“Con Gesù tra le braccia”, dal 1 giugno al 9 ottobre 2022). Si tratta di un’opera a tempera su tavola di Andrea da Murano del 1486, proveniente dalla Cella della Visione di Camposampiero, che la tradizione ci ha consegnato come giaciglio di sant’Antonio. L’«ostensione» allestita in Basilica valorizza anche altre «reliquie» antoniane che hanno accompagnato sant’Antonio negli ultimi giorni della sua vita: il saio (rinvenuto nella ricognizione del 1981 all’interno della piccola cassa del 1263, a sua volta contenuta nella cassa originaria del 1231); la pietra usata come guanciale (proveniente dall’antico monastero di Santa Maria della Cella a Capodiponte, ovvero Arcella, donata all’inizio dell’Ottocento da Elisabetta Speroni, badessa del monastero della Beata Elena); il cilicio utilizzato da Antonio (custodito in un reliquiario d’argento opera di Ambrogio di Cristoforo del 1510-1511).

Il 23 giugno, nel pomeriggio, la reliquia del giaciglio di sant’Antonio sarà oggetto di un convegno organizzato da Centro Studi Antoniani, Museo Antoniano e Santuari Antoniani di Camposampiero in Sala dello Studio teologico al Santo (“La tavola antoniana di Camposampiero. Storia, devozione, restauro”, ore 15.30-19.00). L’importante reliquia sarà quindi riportata nella sua sede originaria, il Santuario della Visione di Camposampiero, nella seconda metà del mese di ottobre; la ricollocazione sarà accompagnata da una serie di appuntamenti a carattere spirituale e culturale.

Di sicuro impatto sarà la rievocazione storica del “Transito di frate Antonio” che partirà da Camposampiero il 12 giugno all’alba e raggiungerà Padova a fine giornata, coinvolgendo cinque comuni: Camposampiero, Borgoricco, Campodarsego, Cadoneghe e, ovviamente, Padova. Quest’evento, tra sacra rappresentazione e rievocazione in costume, ripercorre chilometro per chilometro la strada che nel 1231 fece Antonio, che dalla metà di maggio si trovava nel convento di Camposampiero. Sentendosi prossimo alla morte, il 12 giugno, il grande predicatore chiese ai confratelli di essere portato nella Chiesa di Santa Maria Mater Domine a Padova, allora prima nucleo di quella che diventerà successivamente la Basilica del Santo. È dal 1963 che la rievocazione secondo questo percorso non si svolge: in quell’anno Ermanno Olmi, regista attento ai valori cristiani, realizzò il docufilm “700 anni” su sant’Antonio di Padova, primo documentario realizzato per la Rai da Olmi sulla devozione antoniana, prodotto dalla milanese XXII Dicembre. Le precedenti edizioni del “Transito” in versione integrale si tennero nel 1931 e nel 1946.

«Il soggiorno di Antonio e la secolare presenza dei Santuari Antoniani sono divenuti nel tempo memoria indissolubile e identità condivisa che informa di sé e caratterizza in modo peculiare la storia di Camposampiero», è scritto nello Statuto Comunale della cittadina dell’Alta Padovana, definita “Luogo antoniano”. Un’identità condivisa con tutto il territorio Camposampierese, dove la devozione al Santo è fortemente e omogeneamente diffusa da secoli, come attestano le varie sagre; il sentire popolare; l’offerta dell’olio e l’accensione della lampada votiva da parte di un sindaco proveniente ogni anno da un comune diverso in occasione della sacra concelebrazione del 13 giugno; la popolarità del Cammino di Sant’Antonio che attraversa da nord a sud il territorio. È in questo contesto che si inserisce il progetto “Il Transito di frate Antonio” elaborato dalla Pro Loco di Camposampiero in collaborazione con le Pro Loco di Borgoricco, Campodarsego, Cadoneghe e Padova, con alcune associazioni culturali di rievocazione storica e con il supporto delle istituzioni del territorio, tra cui il Comune di Camposampiero, e dei Santuari Antoniani di Camposampiero.

Tale rievocazione storica vedrà la partecipazione di figuranti, devoti, mezzi e animali che, insieme al Santo sul carro trainato da buoi, ripercorreranno per tappe le strade del graticolato romano, su cui affacciano vari oratori, ospizi medioevali, pievi e antiche chiesette campestri.

Una volta giunto a Padova, in quartiere Arcella, il corteo proveniente da Camposampiero si unirà a quello della tradizionale sacra rappresentazione del “Transito di sant’Antonio”, promosso dalla Parrocchia di S. Antonio d’Arcella in collaborazione con le associazioni culturali Amici dell’Arcella e Palio Arcella. Raggiunto il Santuario dell’Arcella, alle ore 21.30 circa, inizierà il concerto della campane della città di Padova, in collaborazione con le parrocchie cittadine e la Diocesi di Padova, che darà il via ufficiale alla Solennità di Sant’Antonio del 13 giugno.

Sempre il 12 giugno segnerà il debutto nella Città del Santo dei maestri infioratori di Fucecchio (FI), che lavorando durante la notte tra l’11 e il 12 giugno realizzeranno sul Sagrato del Santo una tradizionale “infiorata”, ovvero una creazione artistica realizzata con tappeti floreali, dedicata a sant’Antonio. Un’usanza molto diffusa in alcuni centri storici d’Italia, che si potrà ammirare a Padova per la prima volta dall’alba di domenica 12 giugno.

Dedicato ai più piccoli, ma non solo, sarà il 47° concorso nazionale della Bontà “Sant’Antonio di Padova”, che sabato 4 giugno, alle ore 21.00, ospiterà nel Sagrato della Basilica del Santo la cerimonia di premiazione dei vincitori del concorso scolastico e dei Premi della Bontà 2022. L’evento, con concerto della Fanfara del 3° Reggimento Carabinieri “Lombardia – Milano” e del Coro giovanile Accademia lirica Verona con diretta TV su Telechiara e Telepace, è promosso dall’Arciconfraternita di Sant’Antonio di Padova. La serata vedrà la collaborazione del «Messaggero dei Ragazzi», il mensile per preadolescenti edito dai frati della Basilica del Santo, che quest’anno festeggia i 100 anni di pubblicazioni, un record in Italia e in Europa per una rivista per ragazzi. Ai premiati il MeRa, come viene affettuosamente chiamato dai suoi lettori, dedicherà il dossier di giugno.

E in un Giugno Antoniano ispirato alla predicazione della Parola di Dio da parte di Antonio, quale miglior spettacolo di chiusura se non il concerto gospel dei Summertime ChoirVenerdì 24 giugno, alle ore 21.00, il Sagrato del Santo ospiterà la formazione padovana diretta dal maestro Walter Ferrulli nello spettacolo di beneficenza intitolato “Smile”. Il concerto è promosso dall’Associazione Gattamelata, che riunisce gli operatori economici della zona del Santo a Padova, e Veneranda Arca di S. Antonio. Dal 1991, anno di fondazione, il Summertime Choir ha viaggiato per l’Italia e l’Europa con i suoi concerti carichi di musica ed energia, coinvolgendo migliaia di spettatori in quello che ormai è diventato il secondo nome del coro, il “Treno dell’energia”. Per quattro anni la formazione è stata ospite di Papa Giovanni Paolo II per il concerto di Natale in Vaticano, ha partecipato a numerose altre trasmissioni televisive, tra le quali l’Ice Christmas Gala, davanti a 10mila persone al Mediolanum Forum e con milioni di telespettatori che hanno seguito la diretta TV, e la più recente apertura dell’ultima edizione di Italia’s Got Talent.

La serata dedicherà una particolare attenzione al progetto di sostegno dei profughi dell’Ucraina che Caritas S. Antonio sta realizzando con l’aiuto dei frati minori conventuali dell’Ucraina, della Polonia e della Romania.

A sostegno della stessa finalità andrà anche il ricavato della cena medievale di beneficenza “… E il desinar m’è dolce al calar della sera” di sabato 28 maggio, ore 20.00, nel Chiostro del Beato Luca Belludi al Santo, organizzata dall’Associazione Culturale Palio Arcella (prenotazione obbligatoria entro il 26 maggio). La serata sarà allietata da spettacoli e figuranti in costume.

Infine, dopo la grande partecipazione delle precedenti edizioni, viene riproposta sabato 25 giugno alle ore 18.00 la santa messa “Sant’Antonio Casamenteiro”, rivolta a persone single dai 30 ai 50 anni. Un’occasione per rivolgersi al Santo con la tradizionale preghiera “Si quaeris miracula” (“Se cerchi i miracoli…”) per chiedere, con la grazia della fede, di “trovare”, oltre le cose perdute, anche ciò che è veramente importante per la propria vita, come appunto l’anima gemella. L’iniziativa, che ha riscosso da subito una grande attenzione da parte dei devoti, prende spunto da una forma di devozione popolare particolarmente diffusa in Portogallo, terra natale di sant’Antonio, e nei Paesi dell’America Latina, in cui il Santo è invocato per trovare marito o moglie, ovvero per “accasarsi”, da cui l’appellativo di “casamenteiro”.

Un cartellone, quello del GA2022, che proseguirà, idealmente e concretamente, fino all’autunno attraverso i piedi dei camminatori. Dal 30 giugno infatti un gruppo di pellegrini partiranno da Capo Milazzo per arrivare il 9 ottobre alla Basilica del Santo di Padova in 93 tappe, ripercorrendo quello che fu il viaggio di frate Antonio otto secoli fa. Al Cammino 2022 promosso dal Progetto «Antonio 20-22», altri camminatori potranno aggiungersi anche per brevi tratti del percorso o farsi coinvolgere negli eventi religiosi e culturali che caratterizzeranno ogni arrivo di tappa.

Da segnalare che in occasione dell’ottocentenario della prima predica di sant’Antonio a Forlì, il Giugno Antoniano 2022 si collega anche ad alcuni eventi delle celebrazioni per gli 800 anni dell’Università di Padova. In particolare, ricordiamo la mostra itinerante “La Chiesa di Padova negli 800 anni dell’Università di Padova” sulla relazione tra la Chiesa di Padova e l’Ateneo patavino, che da sabato 28 maggio a mercoledì 15 giugno sarà ospitata nel Chiostro della Magnolia al Santo. L’esposizione è curata dal Collegio Universitario Gregorianum di Padova.

Da ultimo, ma non meno importante, si segnala che nei giorni 11, 12 e 13 giugno, in occasione delle celebrazioni per la Festa di Sant’Antonio, i Musei Civici di Padova (Museo Eremitani a esclusione della Cappella degli Scrovegni, Palazzo Zuckermann, Museo del Risorgimento e dell’Età contemporanea, Palazzo della Ragione) saranno a ingresso gratuito. Un omaggio della Città del Santo ai molti devoti che in quei giorni saranno a Padova.

Sarà anche possibile visitare le sedi museali della Basilica del Santo: il Museo Antoniano, l’Oratorio di S. Giorgio e la Scoletta del Santo, nei consueti orari e modalità (per informazioni www.santantonio.org).

Inoltre, con la fine dello stato di emergenza sanitaria, è di nuovo possibile assistere alle proiezioni del percorso multimediale immersivo “Antonius”, inaugurato nel 2018 (ingresso dal Chiostro del Generale al Santo). Si tratta di una straordinaria e coinvolgente visita emozionale che rafforza l’esperienza di pellegrinaggio alla Basilica del Santo, trasformando l’arte e la spiritualità antoniana in spettacolo. Lo spazio espositivo è di circa 1.000 metri quadrati. Il percorso è in dieci lingue – italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, polacco, croato, arabo, russo – oltre a una traccia audio per non vedenti. Proiezioni nei giorni di venerdì, sabato e domenica, ogni ora dalle ore 9.15 alle ore 12.15 e dalle 14.15 alle 17.15 (durata circa 30 minuti). Ingresso gratuito.


Tutti gli appuntamenti del Giugno Antoniano 2022 sono a ingresso gratuito e libero fino a esaurimento posti, salvo ove indicato diversamente, nel rispetto delle normative sanitarie vigenti al momento dell’evento.

Leggi il cartellone completo con tutti gli eventi culturali e le celebrazioni religiose su www.santantonio.org o nei file PDF in allegato.


Il ricco programma dei festeggiamenti antoniani è stato presentato questa mattina in conferenza stampa da padre Antonio Ramina, rettore della Basilica di Sant’Antonio; dall’assessore alla Cultura e turismo del Comune di Padova; don Leopoldo Voltan, Vicario per la pastorale della Diocesi di Padova; da Moira Simeonato, assessore al Turismo del Comune di Camposampiero (PD); da Gilberto Muraro, presidente di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo; Antonio Santocono, presidente Camera di Commercio di Padova, e Leopoldo Destro, presidente Assindustria Venetocentro.

Il Giugno Antoniano 2022 è organizzato da Comune di Padova, Pontificia Basilica di S. Antonio, Provincia di S. Antonio di Padova dei Frati Minori Conventuali, Diocesi di Padova, Veneranda Arca di S. Antonio, Messaggero di sant’Antonio Editrice, Arciconfraternita di Sant’Antonio, Centro Studi Antoniani, con la collaborazione di Ordine Francescano Secolare di Padova, Associazione Corsia del Santo – Placido Cortese, Associazione culturale Palio Arcella e Rievocazione storica del “Transito di frate Antonio”.
La realizzazione della manifestazione è possibile grazie al contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Camera di Commercio di Padova, Assindustria Venetocentro.
Il Giugno Antoniano 2022 ha inoltre il patrocinio della Regione del Veneto, del Comune di Camposampiero (PD) e del Progetto Antonio 20-22 della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova.
La media partnership è in collaborazione con «Messaggero di sant’Antonio», «Messaggero dei Ragazzi», Telepace e Rete Veneta del Gruppo Medianordest.
A tutte queste realtà va il vivo ringraziamento di quanti promuovono la manifestazione.

EVENTI SPIRITUALI

TREDICINA, SOLENNITÀ DEL 13 GIUGNO E MOMENTI SPIRITUALI

Sabato 28 maggio, dalle ore 21.00 a mezzanotte
Basilica di S. Antonio e sagrato

Notte di Miracoli, la “Tredicina dei Giovani”

Veglia, adorazione ed evangelizzazione di strada.

Da mercoledì1giugno,ore18.45, fino a domenica 9 ottobre

BasilicadiS.Antonio,CappelladelleReliquie

Con Gesù tra le braccia

Ostensione della “Tavola di Camposampiero”, giaciglio di Sant’Antonio.

La sacra reliquia restaurata resterà esposta al Santo fino al 9 ottobre.

Dal31maggioal12giugno,variorariBasilica diS.Antonio

La Tredicina di sant’Antonio

PellegrinaggidalleDiocesidelVeneto

  • martedì 31 maggio, ore 18.00 Arciconfraternite e associazioni della Basilica
  • mercoledì 1 giugno, ore 18.00 Diocesi di Belluno-Feltre
  • giovedì 2 giugno, ore 12.00 Comunità Filippina del Triveneto; ore 18.00 Istituti di Vita Consacrata e Seminari
  • venerdì 3 giugno, ore 18.00 Diocesi di Adria-Rovigo
  • sabato 4 giugno, ore 18.00 Movimento di Comunione e Liberazione
  • domenica 5 giugno, ore 12.15 S. Messa Comunità dei Migranti; ore 18.00 Aggregazioni Ecclesiali e Laicali
  • lunedì 6 giugno, ore 11.00 Centri diurni persone con disabilità; ore 18.00 Diocesi di Verona
  • martedì 7 giugno, ore 18.00 Diocesi di Treviso
  • mercoledì 8 giugno, ore 18.00 Diocesi di Chioggia
  • giovedì 9 giugno, ore 18.00 Diocesi di Vittorio Veneto
  • venerdì 10 giugno, ore 18.00 Diocesi di Vicenza
  • sabato 11 giugno, ore 11.30 Processione dei Crocifissi dalla Basilica di S. Giustina alla Basilica del Santo, a seguire S. Messa per i “Portatori di Cristo”; ore 16.00 Pellegrinaggio UNITALSI; ore 18.00 Vicariati Diocesi di Padova
  • domenica 12 giugno, ore 12.15 S. Messa bilingue Italiano – Inglese; ore 18.00 Capitolo della Cattedrale

Lunedì13giugno,ore5.3022.30(apertura basilica)

BasilicadiS.Antonio

Solennità di Sant’Antonio di Padova

Orari Sante Messe: 6.00; 7.00; 8.00; 9.00; 10.00; 11.00; 12.15; 15.30; 17.00; 19.00; 21.00.

In particolare:

  • ore 10.00 S. Messa per gli Associati al «Messaggero di sant’Antonio», presiede S.E. Mons. Fabio Dal Cin, Delegato Pontificio;
  • ore 11.00 S. Messa Pontificale, presiede S.E. Mons. Claudio Cipolla, Vescovo di Padova;
  • ore 17.00 S. Messa Solenne, presiede P. Roberto Brandinelli, Ministro Provinciale dei Frati Minori Conventuali. A seguire Processione con la Statua e le sacre Reliquie del Santo.

Su www.13giugno.org tutte le informazioni sulle dirette televisive, streaming web e social delle S. Messe.

Domenica 19 giugno, ore 12.15

Basilica di S. Antonio

Pellegrinaggio della Comunità Eritrea

Annuale pellegrinaggio dei fedeli della Comunità Eritrea in Italia.

Sabato 25 giugno, ore 18.00

Basilica di S. Antonio

Sant’Antonio casamenteiro

S. Messa con benedizione per quanti cercano un senso alla vita, la propria strada, l’anima gemella.

IL CARTELLONE DEGLI EVENTI CULTURALI

Tutti gli appuntamenti del Giugno Antoniano 2022 sono a ingresso gratuito e libero fino a esaurimento posti, salvooveindicatodiversamente,nel rispettodellenormativesanitarievigential momentodell’evento.Di seguitoilcartellonedeglieventi.

Martedì24maggio,ore20.30

TeatrodelSeminarioVescovile,ViaSeminario29(ingressocarraioviaAndreaMemmo)

Dalla rete di padre Placido Cortese ai nostri giorni: la coscienza e il coraggio per gli oppressi in ogni tempo

Incontro tra storia e attualità con Anna Soatto, Presidente Associazione Corsia del Santo – Placido Cortese; p. Giorgio Laggioni, Vicepostulatore della causa di beatificazione di p. Cortese; Antonio Spinelli, storico; Emanuela Sabbadin, OFS, e Paolo Zanotto, familiari di Lidia Martini; Alvise Moretti, Presidente Associazione Popoli Insieme ODV, Luca Bortoli, Direttore «La Difesa del popolo»; Leopoldo Voltan, Vicario per la pastorale Diocesi di Padova. Modera Patrizio Zanella.

A cura di Corsia Del Santo – Placido Cortese, in collaborazione con la Diocesi di Padova.

Mercoledì25maggio,ore10.30

BasilicadiS.Antonio,Sala dello StudioTeologico

Sui passi di Antonio

A piedi da Capo Milazzo a Padova, 30 giugno – 9 ottobre 2022

Presentazione delle 93 tappe di cammino a partire dal luogo del naufragio di sant’Antonio, in occasione degli ottocentenari antoniani. Con fra Roberto Brandinelli, Ministro della Provincia italiana di S. Antonio di Padova dei frati minori conventuali; fra Paolo Floretta, coordinatore Progetto «Antonio 20-22»; don Carmelo Russo, rettore Santuario rupestre di sant’Antonio di Capo Milazzo (ME); Jorge Leitão, il “pellegrino zero”; fra Andrea Calabria, responsabile Cammino di sant’Antonio.

A cura di Progetto «Antonio 20-22» della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova dei Frati minori conventuali.

Venerdì 27 maggio, ore 20.45

Chiostri della Basilica di S. Antonio

Musica nei chiostri, entrando dal Paradiso

Passeggiata nei Chiostri del Paradiso e del Noviziato con Giovanna Baldissin Molli, con intervento musicale di SolEnsamble. Un’occasione per vedere la basilica da angolature diverse e apprezzare monumenti di scultura in genere non visibili. Posti limitati.

A cura di Veneranda Arca di S. Antonio.

Sabato28maggio,ore17.00

OratoriodeiColombini,ViadeiPapafava

Un giglio per i Colombini

Cerimonia per il dono di un artistico giglio in argento per la statua di sant’Antonio di Padova collocata sull’altare dell’Oratorio dei Colombini. Presentazione dell’opera, concerto di musica barocca dell’Ensemble Sans Souci e aperitivo sotto il platano Papafava.

A cura di Arciconfraternita di S. Antonio di Padova in collaborazione con Comitato mani unite per Padova.

Sabato28maggio,ore20.00

BasilicadiS.Antonio,ChiostrodelBeatoLucaBelludi

… E il desinar m’è dolce al calar della sera

Cena a scopo benefico con pietanze della cucina medievale con spettacoli e figuranti in costume. A cura di Associazione Culturale Palio Arcella.

Prenotazione obbligatoria entro il 26 maggio, tel. 338 4624145 / 347 4808316.

Costo 35 euro/persona. Parte dell’incasso sarà devoluto a Caritas S. Antonio.

Mercoledì1giugno,ore20.45

SantuariodiS.Antoniod’Arcella

Rosso di sera, 5° edizione

Concerto d’organo del M° Stefano Maria Torchio. Musiche di Johann Sebastian Bach e Olivier Eugène Prosper Charles Messiaen. Durante gli intervalli, lettura di alcuni brani tratti dalla “Vita prima di S. Antonio” o “Assidua”, prima biografia del Santo (ca. 1232)

A cura di Associazione Culturale Palio Arcella.

Sabato 4 giugno, ore 21.00

SagratodellaBasilicadelSanto (in caso di maltempo in basilica)

47° Concorso nazionale della Bontà “Sant’Antonio di Padova”

Cerimonia di premiazione dei vincitori del concorso scolastico e dei Premi della Bontà 2022. Accompagna la serata la

Fanfara del 3° Reggimento Carabinieri “Lombardia – Milano” e del Coro giovanile Accademia lirica Verona. Conducono p. Andrea Vaona e Leonardo Di Ascenzo. Diretta TV su Telechiara e Telepace.

L’evento è promosso dall’Arciconfraternita di Sant’Antonio di Padova, in collaborazione con il «Messaggero dei Ragazzi» per il centenario del mensile.

Sabato4-11-18-25giugno,ore9.30-12.30.Visitaguidataore11.00Oratorio deiColombini,Via deiPapafava

Alla scoperta dell’Oratorio dei Colombini

Riaperture straordinarie con visita guidata dell’antico Oratorio antoniano di S. Maria del Pianto detto dei Colombini, con le sue reliquie antoniane, il pozzo del miracolo del breviario e con la possibilità di visitare l’attiguo giardino con il secolare platano Papafava.

A cura di Arciconfraternita di S. Antonio di Padova in collaborazione con Associazione Vecia Padova.

Lunedì6giugno,ore20.30

SaladellaCarità,ViaSanFrancesco61

Le radici francescane dell’Ospedale di Padova tra memoria, vitalità e gratitudine

Conferenza-dibattito sulla nascita del primo ospedale cittadino, evidenziando il ruolo dei terziari francescani dell’epoca. Con Paolo Toni, Ministro OFS del Santo; p. Luciano Bertazzo, direttore Centro Studi Antoniani; prof. Giovanni Silvano. Modera Alberto Friso.

A cura dell’Ordine Francescano Secolare del Santo.

Martedì7giugno,ore20.30

ChiostrodelBeatoBelludieSalettedelMuseoAntoniano

Il violino di Tartini. Appunti di viaggio

Una serata di musica e cultura alla ricerca dei violini di Giuseppe Tartini. Un progetto di Alberto Cassutti, Damien Sainmont, Francesco Piasentini. Posti limitati.

A cura di Veneranda Arca di S. Antonio.

Mercoledì 8 giugno, ore 21.00

Basilica di S. Antonio

«Mai avrei immaginato» (Giovanni Paolo I)

Conversazione su Albino Luciani, sorpresa di Dio per l’uomo di oggi. Con Davide Fiocco, curatore Positio per causa di beatificazione, e Patrizia Luciani, studiosa del pensiero di Luciani. Modera Alberto Vela. A cura di Edizioni Messaggero Padova.

Venerdì 10 giugno, ore 20.45

Basilica di S. Antonio

La musica in onore di S. Antonio

Concerto coro e orchestra della Cappella Musicale Antoniana, direttore M° Valerio Casarin. Musiche dei direttori della

Cappella musicale del Santo dal ‘500 a oggi. L’evento vuole valorizzare il patrimonio musicale dell’archivio musicale della Pontificia Biblioteca Antoniana.

Domenica12giugno,dall’alba

Sagrato Basilica di S. Antonio

Infiorata a sant’Antonio

Dall’alba sarà possibile ammirare l’Infiorata a sant’Antonio a cura dei maestri infioratori di Fucecchio (FI).

Domenica12giugno,ore5.45-22.00

DaCamposampiero,SantuariodellaVisione,aPadova,SantuarioS.Antoniod’Arcella

Il Transito di frate Antonio

Rievocazione storica del “Transito” che fece Antonio il 12 giugno 1231 da Camposampiero fino all’Arcella, con il carro trainato da buoi e figuranti in costume.

Itinerario del corteo: Camposampiero, Borgoricco, Campodarsego, Cadoneghe, Padova – Quartiere Arcella. A cura di Pro Loco di Camposampiero, in collaborazione con i Santuari antoniani di Camposampiero e le Pro Loco di Borgoricco, Campodarsego, Cadoneghe, Padova.

Ore 20.30 all’Arcella, P.le Azzurri d’Italia, inizio del corteo della tradizionale sacra rappresentazione del “Transito di sant’Antonio” lungo le vie del quartiere fino al Santuario dell’Arcella, a cura della Parrocchia di S. Antonio d’Arcella in collaborazione con le associazioni culturali Amici dell’Arcella e Palio Arcella, a cui si unirà il corteo proveniente da Camposampiero.

Ore 21.30 concerto della campane della città di Padova, in collaborazione con le parrocchie cittadine e la Diocesi di Padova.

Sabato18giugno,ore10.00

BasilicadiS.Antonio,SaladelloStudioTeologico

Arte e artigianato al servizio del Santo

Conferenza sul legame storico-culturale tra gli artigiani e il mondo del Sacro nella salvaguardia delle opere artistiche e monumentali, in particolare della Basilica del Santo.

A cura di Associazione Antichi Mestieri.

Sabato18giugno,ore14.45

BasilicadiS.AntonioeOratoriodiS.Giorgio

L’arte per tutti

Visita guidata sensoriale per persone non vedenti e ipovedenti e loro accompagnatori, alla scoperta dei “Cicli affrescati del XIV secolo di Padova – Patrimonio Mondiale UNESCO”, presenti in Basilica di S. Antonio e Oratorio di S. Giorgio.

Prenotazione obbligatoria entro il 7 giugno a: oltrei5sensi@santantonio.org e tel. 049 8225777.

Domenica 19 giugno, ore 11.00

ScolettadelSanto,PiazzadelSanto

Alla scoperta della Scoletta del Santo

Visita guidata storico-devozionale della Scoletta del Santo sede storica dell’Arciconfraternita. Il Priore accompagnerà i visitatori alla scoperta della storia di fede, devozione e umanità del sito fondato nel 1427, che custodisce ancora opere d’arte di straordinaria importanza come gli affreschi di Tiziano Vecellio del 1511.

A cura di Arciconfraternita di Sant’Antonio di Padova.

Lunedì20giugno,ore17.30

BasilicadelSanto,SaladelloStudioTeologico

Il restauro delle pitture di Giotto dell’intradosso dell’arco della Cappella della Benedizioni al Santo

Conferenza di Monica Pregnolato, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso; Giovanna Valenzano, Presidente Arca di S. Antonio; Cristina Sangati, AR Arte e Restauro. A seguire visita guidata. Saranno illustrati i criteri, gli interventi di restauro, le scoperte effettuate con diapositive appositamente realizzate sui ponteggi durante il restauro.

A cura della Delegazione Pontificia e Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso.

Martedì21giugno,ore20.45

BasilicadiS.Antonio

Il Requiem di Cherubini

Nell’ambito della Giornata della Musica, concerto dei Concentus Musicus Patavinus, Coro Grande e orchestra dell’Università di Padova; Coro Moralisatis; Coro polifonico di Piove di Sacco.

A cura di Veneranda Arca di S. Antonio.

Giovedì23giugno,ore15.30-19.00

BasilicadiS.Antonio,SaladelloStudioteologico

La tavola antoniana di Camposampiero. Storia, devozione, restauro

Convegno organizzato da Centro Studi Antoniani (CSA), con Museo Antoniano e Santuari Antoniani di Camposampiero. Introduzione di p. Luciano Bertazzo, direttore CSA. Interventi di Giovanna Baldissin Molli, direttrice del Museo Antoniano; Elda Martellozzo Forin, specialista di storia locale; Fabrizio Magani, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area metropolitana di Venezia e per le provincie di Belluno, Padova e Treviso.

Venerdì24giugno,ore21.00

SagratodellaBasilicadelSanto(in caso di maltempo in basilica)

Smile, Summertime Choir in concerto

Concerto gospel di beneficenza con i Summertime Choir, diretti dal M° Walter Ferrulli.

Il ricavato delle offerte sarà devoluto a Caritas S. Antonio.

A cura di Associazione Gattamelata e Veneranda Arca di S. Antonio.

Eventi a Camposampiero e Piazzola sul Brenta

Sabato28maggio,ore18.00

Camposampiero,dalSantuariodelNoceapiazzaVittoria

4° S. Antonio Run

Marcia ludico-motoria non competitiva di 5 e 10 km di corsa o camminata.A cura di Sant’Antonio Runners, Pro Loco

Camposampiero, FIASP Padova.

Iscrizioni al tel. 333 6119920 e santantoniorun@outlook.it o alla partenza.

Sabato11giugno,ore16.30-20.00

Camposampiero,VillaCampello

Annullo Postale e Cena propiziatoria con spettacolo di fuoco e figuranti

Eventi inaugurali della “Rievocazione storica del Transito di frate Antonio” del 12 giugno.

Prenotazione cena obbligatoria entro l’8 giugno: tel. 049 9301264 lunedì, mercoledì e sabato ore 9.00-12.00 o info@prolococamposampiero.com.

Sabato18giugno,ore17.00

PiazzolasulBrenta,ChiesadiSantaColomba

La diffusione dei modelli donatelleschi e il rilievo di S. Colomba

Conferenza sulle tracce di Donatello nel territorio padovano con Giovanni Baldissin Molli. Evento organizzato dall’Università di Padova, Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità nell’ambito del progetto “Terre di Mantegna”.

Ottocentenari… padovani

In occasione degli ottocentenari antoniani, il Giugno Antoniano si collega ad alcuni eventi delle celebrazioni per gli 800 anni dell’Università di Padova per sottolineare il legame tra il Santo e l’ateneo

Da sabato 28 maggio a mercoledì 15 giugno

Basilica di S. Antonio, Chiostro della Magnolia

La Chiesa di Padova negli 800 anni dell’Università di Padova

Mostra itinerante sulla relazione tra la Chiesa di Padova e l’Università. Evento curato dal Collegio Universitario Gregorianum di Padova.

Sabato 11 giugno, ore 18.00

PalazzoLiviano,SalaDeiGiganti

Reading Blu paonazzo

Reading da Giovanna Baldissin Molli Blupaonazzo (Il prato publishing House, Saonara 2016) sulla Padova di Donatello e di Mantegna. Con Stefano Eros Macchi e Marta Bettuolo del Teatro de LiNUTILE.

Evento organizzato dal Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova.

Giovedì16giugno,ore17.30

Padova,TeatrodelleMaddalene,viaS.GiovannidiVerdara40

Al servizio della libertà

Dialogo-confronto tra il vescovo Cipolla e la rettrice Mapelli sulla passione che li accomuna per la ricerca e la crescita

dell’umano.

Evento organizzato dalla Pastorale per la cultura e l’Università della Diocesi di Padova.

Giovedì 16 giugno, ore 21.00

Padova,ChiesadiS.Caterina

Buon compleanno UniPd! Le grandi scoperte, le grandi donne, la grande musica

Concerto in omaggio agli uomini e alle donne che con il loro genio hanno reso grande e famoso l’Ateneo patavino.

Evento promosso da Centro Universitario Padovano e Bottega Tartiniana.

CAPITALE CULTURA
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
READY2GO
CHECKPOINT
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

CAPITALE CULTURA
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
READY2GO
CHECKPOINT
UNICHIMICA