21 Giugno 2021 - 17.14

Arrivano i primi codici del Green Pass: che fare? a cosa serve?

Più di qualcuno in questi giorni ha ricevuto una mail o un SMS dal Ministero della Salute contenente l’AUTHCODE.

Il codice è stato inviato a migliaia di vaccinati, guariti dal virus o con tampone negativo con brevi indicazioni su come attivare il green pass. I primo 4000 il 17 giugno e nei giorni successivi ad un numero sempre maggiore di persone, con l’obiettivo di raggiungere la totalità degli aventi diritto.

Ecco le indicazioni del Ministero (da ricordare che chi possiede l’app IO ha un accesso facilitato che permette di bypassare il codice inviato via mail o sms, vedi sotto)

La Certificazione verde COVID-19 – EU digital COVID certificate nasce su proposta della Commissione europea per agevolare la libera circolazione in sicurezza dei cittadini nell’Unione europea durante la pandemia di COVID-19.

È una certificazione digitale e stampabile (cartacea), che contiene un codice a barre bidimensionale (QR Code) e un sigillo elettronico qualificato. In Italia, viene emessa soltanto attraverso la piattaforma nazionale del Ministero della Salute.

  • Puoi acquisire la Certificazione da diversi canali in modo autonomo: sul sito del Ministero della Salute (QUI) con accesso tramite identità digitale (Spid/Cie) oppure con Tessera Sanitaria (o con il Documento di identità se non sei iscritto al SSN) in combinazione con il codice univoco ricevuto via email o SMS; nel Fascicolo sanitario elettronico; tramite l’App “Immuni”e l’App IOConsulta come ottenere la Certificazione verde COVID-19.
  • La certificazione contiene un QR Code con le informazioni essenziali. Agli operatori autorizzati al controllo devi mostrare soltanto il QR Code sia nella versione digitale, direttamente da smartphone o tablet, sia nella versione cartacea.
  • La verifica dell’autenticità del certificato è effettuata dagli operatori autorizzati, per esempio nei porti e negli aeroporti, esclusivamente tramite l’app VerificaC19, nel rispetto della privacy.
  • Se il certificato è valido, il verificatore vedrà soltanto un segno grafico sul proprio dispositivo mobile (semaforo verde) e i tuoi dati anagrafici: nome e cognome e data di nascita. Il verificatore può chiederti di mostrare anche un documento di identità in corso di validità.
  • In caso non disponessi di strumenti digitali, puoi recuperare il certificato sia in versione digitale sia cartacea con la Tessera Sanitaria e con l’aiuto di un intermediario: medico di medicina generalepediatra di libera sceltafarmacista.
  • L’emissione della Certificazione è gratuita per tutti, disponibile in italiano e in inglese e, per i territori dove vige il bilinguismo, anche in francese o in tedesco.
  • Le Certificazioni verdi COVID-19 associate a tutte le vaccinazioni effettuate a partire dal 27 dicembre 2020 verranno generate in automatico entro il 28 giugno.
  • Per un periodo transitorio, fino al 30 giugno 2021, le documentazioni rilasciate dalle Asl, laboratori, medici e farmacie attestanti l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dall’infezione o l’esito negativo di un test molecolare o antigenico effettuato nelle 48 ore antecedenti avranno la stessa validità della Certificazione verde COVID-19 – EU digital COVID certificate.
  • Il certificato non è un documento di viaggio. I dati scientifici relativi alla vaccinazione, ai test e alla guarigione dalla COVID-19 continuano a evolvere, anche alla luce delle nuove varianti del virus che destano preoccupazione. Prima di mettersi in viaggio, verificare le misure sanitarie pubbliche applicabili e le relative restrizioni applicabili nel luogo di destinazione.

Supporto e assistenza

  • Per assistenza tecnica chiama il Call center 800 91 24 91 (attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20) o scrivi a cittadini@dgc.gov.it
  • Per informazioni su aspetti sanitari puoi chiamare il numero di pubblica utilità 1500 (attivo tutti i giorni 24 ore su 24).

Il formato digitale

Ecco un esempio di versione digitale. Puoi mostrare all’operatore che deve verificare la validità del certificato il QR Code direttamente dal tuo smartphone.

APP IO – Chi la possiede è facilitato

Chi ha l’identità digitale Spid o la Carta d’identità elettronica potrà usufruire del servizio accedendo con le proprie credenziali all’APP IO.

Gli utenti riceveranno una notifica sul proprio dispositivo mobile ogni volta che diventa disponibile una certificazione a loro intestata. Dall’app possono visualizzarla direttamente aprendo il messaggio.
In questi giorni -scrive il Corriere- il sistema sta caricando tutti i certificati già validi, conseguenti alle vaccinazioni e alle guarigioni: un avviso infatti avverte che l’invio dei certificati verdi è in corso e potrebbe richiedere alcuni giorni.

Non bisogna dunque richiederlo, né inserire codici o altri dati: è sufficiente fare almeno una volta l’accesso all’app e IO e scarica dalla piattaforma nazionale il QR code e i dati del certificato da mostrare direttamente dal dispositivo.

Dopo essere entrati nell’app IO (tramite codice di sblocco o riconoscimento biometrico) e aver aperto il messaggio con la propria certificazione verde, si vede il QR code e i dati del certificato, da esibire direttamente da IO. Inoltre, tramite il pulsante “Salva” si può conservare il certificato con il QR code (attraverso l’apposita funzione) nella galleria fotografica del dispositivo, come una qualsiasi altra immagine, in modo da poterlo mostrare facilmente anche in assenza di connessione ad internet.

RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
READY2GO
CHECKPOINT
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
READY2GO
CHECKPOINT
UNICHIMICA