12 Maggio 2017 - 16.11

PFAS – Domenica la marcia dei PFIORI, la Miteni: “Perché noi? Non apriremo l’azienda ai manifestanti”

Per restare aggiornato iscriviti al gruppo Facebook: ARZIGNANO-MONTECCHIO OVEST VICENTINO NOTIZIE)

Domenica 14 maggio si terrà nell’Ovest Vicentino la “Marcia dei Pfiori” nella quale i comitati chiamano a raccolta i cittadini per manifestare e chiedere provvedimenti sulla questione dei PFAS. Tra le richieste, la garanzia di approvvigionamento dell’acqua potabile e irrigua da fonti sicure e il libero accesso alle analisi del sangue a tutti i cittadini nell’area contaminata. Alla marcia parteciperanno anche i sindacati Cgil, Cisl e Uil.
Alla manifestazione gli organizzazione chiamano “genitori, gruppi, cittadini attivi e associazioni” per organizzare una grande mobilitazione regionale aperta a tutti i cittadini.


LA MANIFESTAZIONE

La manifestazione avrà una doppia modalità, alternativa e complementare allo stesso tempo. Per chi vuole partire in bicicletta il luogo di ritrovo sarà piazza del duomo a Montecchio Maggiore dalle ore 9, per raggiungere la Miteni percorrendo i 5 km della Provinciale 246 verso Valdagno. Per l’occasione sarà chiuso il flusso ordinario al traffico automobilistico. Sul piazzale fronte Miteni, dalle 10,30, inizierà l’assembramento di tutti i convenuti, che durerà fino alle 11, quando partirà il corteo fino al municipio di Trissino dove si svolgerà un dibattito informativo e un’installazione allegorica con tema il tubone ARICA.

LA MITENI

Arriva anche la lettera aperta che l’amministratore delegato di Miteni, Antonio Nardone, indirizza ai partecipanti alla manifestazione di domenica 14 maggio che passeranno davanti allo stabilimento di Trissino.
“Lo scorso anno -scrive Nardone- la “marcia dei Pfiori” è stata un’occasione di confronto sereno. I lavoratori Miteni hanno incontrato i manifestanti con la consapevolezza di tutti che informarsi, capire, dialogare è il punto di partenza per risolvere i problemi.
L’ 11 gennaio scorso il tribunale Superiore delle acque ha emesso una sentenza che accerta una realtà ben diversa da quella rappresentata in questi mesi: la presenza dei Pfas a catena lunga che preoccupa la popolazione va affrontata con il censimento entro settembre e la depurazione degli scarichi delle centinaia di aziende che oggi in Veneto li usano per la loro produzione. Miteni non è mai nemmeno citata. Del resto non produciamo più da anni quelle sostanze e stiamo effettuando le bonifiche in accordo con Arpav per eliminare le eredità del secolo scorso che abbiamo scoperto fuori dal nostro sito.

Perché fare una manifestazione davanti alla Miteni adesso?
Notiamo con preoccupazione che la manifestazione quest’anno viene promossa e avrà la presenza anche di quelle organizzazioni che lo scorso marzo hanno messo a repentaglio la sicurezza del territorio e della popolazione con un’incursione squadrista in azienda, minacciando i lavoratori e accendendo fiaccole a ridosso dei depositi chimici dello stabilimento. Per questo motivo domenica, per la sicurezza di tutti, non potremo aprire l’azienda ai manifestanti come abbiamo fatto lo scorso anno e ne siamo molto dispiaciuti.

La presenza dei Pfas nelle acque non riguarda solo il Veneto. Nonostante sia stato chiaramente scritto dai giudici che il problema oggi non è Miteni ma un utilizzo diffuso di queste sostanze nell’industria, c’è evidentemente chi ha interesse a strumentalizzare la buona fede della popolazione ignorando le sentenze, usando la violenza invece del dialogo, fino ad infiltrarsi in manifestazioni per alimentare un sentimento ostile che soprattutto oggi, alla luce dei fatti, non ha più motivo di esistere”.

Per restare aggiornato iscriviti al gruppo Facebook: ARZIGNANO-MONTECCHIO OVEST VICENTINO NOTIZIE)
MOSTRA BASILICA
OASIREJUVE
TEATRO
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

MOSTRA BASILICA
OASIREJUVE
TEATRO
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti