15 Dicembre 2022 - 15.36

Roadhouse di Vicenza: gli oli alimentari esausti non si gettano e diventano biocarburante

Casella di testo: LINK UTILI

Chef Express – Bilancio di Sostenibilità

Gruppo Hera – Bilancio di Sostenibilità

www.gruppohera.it




















CONTATTI

Riccardo Finelli, 
Direzione Centrale Relazioni Esterne Gruppo Hera, riccardo.finelli@gruppohera.it, 334.3719248


Luca Macario
Responsabile Ufficio Stampa
Gruppo Cremonini
059.754630 -335.7478179
luca.macario@cremonini.com

Saranno circa 150 mila i litri di biocarburante ricavati annualmente grazie agli oli alimentari esausti di Chef Express e Roadhouse, con un risparmio di 126 tonnellate equivalenti di petrolio e la mancata emissione di 413 tonnellate di CO2. Sono questi i primi risultati della partnership fra il Gruppo Cremonini (a cui Chef Express e Roadhouse appartengono) e il Gruppo Hera per il recupero e la valorizzazione degli oli esausti delle catene di ristorazione. Un progetto di economia circolare partito solo da alcuni mesi (marzo 2022), ma già in grado di produrre risultati tangibili per l’ambiente.

La provincia di Vicenza è protagonista di questo progetto, grazie ai Roadhouse del Capoluogo (strada Padana Superiore e presso il Centro Commerciale Palladio), Montecchio Maggiore (viale Trieste) e Torri di Quartesolo (nell’area del centro Commerciale Le Piramidi).

Oli alimentari esausti: una filiera molto promettente per l’economia circolare

La sinergia sviluppata da Hera, Chef Express e Roadhouse, nell’ambito delle politiche di sostenibilità dei rispettivi Gruppi, contribuisce alla decarbonizzazione partendo da un razionale che rappresenta bene le potenzialità di circolarità della filiera: in Italia il 38% degli oli vegetali esausti, pari a quasi 100.000 tonnellate, viene generato dai settori professionali (industria alimentare, ristorazione e artigianato).

Gli oli dalle cucine alla bioraffineria Eni di Porto Marghera

Il progetto, nel suo complesso, vede il coinvolgimento di 194 bar e ristoranti del Gruppo Cremonini in tutta Italia. Su questi punti il Gruppo Hera cura la raccolta degli oli vegetali di scarto, per poi inviarli alla bioraffineria Eni a Porto Marghera, dove sono destinati alla produzione di biocarburante idrogenato, nell’ambito dell’accordo quadro di economia circolare siglato tra il Gruppo Hera ed Eni. La sinergia tra Hera, Chef Express e Roadhouse contribuisce così ai processi tesi alla decarbonizzazione dei due Gruppi, dando nuova vita a un rifiuto che – trasformandosi in una risorsa – permette, almeno in parte, di evitare l’impiego di carburante di origine fossile.

Una filiera di recupero trasparente e certificata

Il coinvolgimento del Gruppo Hera consente di gestire l’ingente quantità di oli raccolti (se non ben trattati potenzialmente dannosi per l’ambiente) in maniera corretta e sostenibile. Oltre all’expertise Hera, a garanzia di sostenibilità e trasparenza del percorso, esiste sul processo la certificazione di un ente terzo, SGS, come previsto dallo schema europeo ISCC (International Sustainability & Carbon Certification). Tale certificazione attesta che le attività gestite da Hera, in tutte le sue fasi – dalla raccolta territoriale al pretrattamento, fino alla produzione del biocarburante – riducono le emissioni di gas serra di oltre l’80% rispetto alla produzione di gasolio da fonti fossili.

I primi risultati raggiunti

Dopo neppure 10 mesi di operatività, i primi risultati della collaborazione sono assolutamente incoraggianti. Dai punti di ristorazione del Gruppo Cremonini aderenti al progetto, da marzo ad ottobre 2022, sono stati raccolti 88 mila chili di olio vegetale esausto, poi trasformati in oltre 100 mila litri di biocarburante idrogenato. Proiettando questi dati su base annua, è possibile stimare che l’olio raccolto dalla rete di Chef Express e Roadhouse consisterà in circa 130 mila chili, che permetteranno la produzione, appunto, di 150 mila litri di biocarburante, sufficienti ad alimentare autovetture a ciclo diesel di media cilindrata con una percorrenza complessiva di oltre 2.300.000 km. In termini di minori emissioni, il progetto consentirà un risparmio annuale di 126 tonnellate equivalenti di petrolio e 413 tonnellate di CO2, pari all’assorbimento di anidride carbonica generato da un bosco con circa 20.600 alberi.

egitto
AGSM AIM
duepunti
AGSM AIM
CAPITALE CULTURA
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
ABALTI
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

egitto
AGSM AIM
duepunti
AGSM AIM
CAPITALE CULTURA
ABALTI
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
UNICHIMICA