16 Novembre 2022 - 11.46

I francesi colpiti da ‘epidemia di pigrizia’… chi di voi ne soffre?

Uno studio effettuato in Francia dimostra che, dalla crisi sanitaria, i francesi non sono più motivati. Viene subito da chiedersi se i risultati di questo studio possano valere anche per l’Italia. Ecco cosa accade Oltralpe.

I francesi subirebbero una sorta di apatia, che a volte assume la forma di un ammorbidimento generale. Secondo i risultati di un sondaggio dell’istituto Jean-Jaurès realizzato in collaborazione con Ifop, se quasi sei francesi su dieci dichiarano di non essere stati psicologicamente colpiti dalla pandemia e dai ripetuti confinamenti, il 30 % afferma di essere meno motivato rispetto a prima. Un dato che sale al 40% tra i 25-34enni – contro solo il 21% degli over 65. 

Se questo rallentamento colpisce con la stessa intensità tutte le classi sociali, sembra colpire di più gli abitanti della regione parigina. Il 41% afferma di essere meno motivato rispetto a prima nella vita quotidiana, rispetto al 29% delle persone che vivono nelle città urbane di provincia e al 22% delle persone nelle zone rurali. 

Lo sviluppo di una “economia della pigrizia”

Questa “epidemia di pigrizia” ha una prima conseguenza: il 45% dei francesi afferma di essere regolarmente colpito dal desiderio pressante di restare a casa. Questa minore propensione a uscire di casa colpisce soprattutto le fasce di età intermedie: il 52% tra i 25-34enni e il 53% tra i 35-49enni, contro solo il 33% degli ultrasessantacinquenni. 

Una chiamata dal divano che è esplosa tanto più durante la crisi in quanto attorno ad essa si è costruita un’intera economia ( consegne a domicilio , piattaforme video, VTC, ecc.). E “sarebbe sbagliato pensare che questo fenomeno riguardi solo le grandi città” , precisa lo studio. Di conseguenza, i francesi ultimamente si sono precipitati sui plaid, oggetti simbolo di questa “civiltà del bozzolo”. Allo stesso modo, le spa e le vasche idromassaggio vanno a ruba. 

Un recente studio Ifop ha dimostrato anche che Netflix, Amazon, Prime Video e persino Disney+ hanno avuto un impatto sulla frequentazione del cinema : da quando hanno sottoscritto un’offerta di video on demand, il 29% degli intervistati dichiara di “andare al cinema meno spesso” e il 12% “non ci va più affatto” . Per non parlare dell’arrivo di nuovi prodotti come i videoproiettori, apparecchiature le cui vendite sono aumentate di circa il 50% annuo negli ultimi due anni. 

Accanto a Netflix e simili, la console di gioco, attività praticata anche in casa, è un altro formidabile concorrente del cinema, soprattutto tra adolescenti e giovani adulti. Sono il 73% a giocare saltuariamente e il 58% regolarmente, con un incremento di 6 punti rispetto al 2020.

Anche un altro settore sembra risentire di questa perdita di motivazione e di questa fatica a lungo termine: il mondo del lavoro. “Durante la pandemia, quasi 11 milioni di dipendenti sono stati costretti a lavorare a orario ridotto, un periodo durante il quale molti si sono interrogati sul significato del loro lavoro” , in particolare nei settori a bassa retribuzione dove i vincoli di orario sono pesanti (lavoro serale, nei fine settimana, in orari scaglionati, ecc. e dove la gravosità dei compiti è significativa, analizza lo studio. 

A ciò si aggiunge l’emergere del telelavoro (quasi un quarto dei dipendenti francesi attualmente lavora in telelavoro per tre o più giorni alla settimana), un altro fattore che modifica il rapporto con il lavoro. “Questo contesto probabilmente spiega in parte perché la nostra indagine mostra che i lavoratori francesi sono meno inclini a dedicarsi anima e corpo al lavoro e che una grande minoranza (37%) afferma di essere meno motivata rispetto a prima nel proprio lavoro” , afferma lo studio, che aggiunge che questa perdita di motivazione sul lavoro colpisce maggiormente i giovani lavoratori (46% dei 25-34enni), ma anche i dirigenti (44%) e le professioni intermedie (43%), rispetto al 34% “solo” tra impiegati e operai, categorie meno colpite dal telelavoro.

egitto
AGSM AIM
duepunti
AGSM AIM
CAPITALE CULTURA
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
ABALTI
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

egitto
AGSM AIM
duepunti
AGSM AIM
CAPITALE CULTURA
ABALTI
AIM AGSM AIM ENERGIA SPOT
AIM AMBIENTE N VERDE
RIFIUTI
AMBIENTE 3
PROVINCIA GIADA
PROVINCIA
UNICHIMICA