13 febbraio 2018 - 12.20

VICENZA – Commercio: nuovo contratto per 4200 aziende e 11 mila addetti

PER ESSERE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CRONACA DI VICENZA ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA Per essere aggiornato con Tviweb entra nel GRUPPO FACEBOOK TVIWEB - NOTIZIE VICENZA E PROVINCIA (Clicca qui)

Nel Vicentino si applica a 4.200 imprese del settore. Sergio Rebecca (Confcommercio Vicenza): “Un contributo alla flessibilità e produttività di un comparto essenziale nello sviluppo turistico del territorio”

Dopo cinque anni di attesa, il mondo dei pubblici esercizi ha un nuovo contratto che interessa, nel Vicentino, circa 4.200 imprese per 11mila lavoratori. La firma è arrivata venerdì scorso e porta con sé una novità importante: questo è, infatti, il primo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti dei settori dei Pubblici Esercizi, della Ristorazione Collettiva e Commerciale e del Turismo. A siglare il CCNL nazionale, che ha una durata di quattro anni, è stata Fipe Confcommercio, assieme ad Angem e Legacoop Produzione e Servizi che hanno raggiunto l’accordo con Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL.
“È un passo importante – spiega Sergio Rebecca, presidente della Confcommercio di Vicenza – perché la Federazione è stata promotrice di una proposta innovativa, aggregando gli interessi di tutto il settore “fuori casa”. Si è così rafforzato il Contratto nazionale del Turismo, evitando, di fatto, differenziazioni che potevano nuocere a imprese e dipendenti”.
Ad essere interessati bar, ristoranti, trattorie, pizzerie, pub, mense scolastiche ospedaliere e aziendali, grandi aziende della ristorazione commerciale multi localizzata, imprese della ristorazione collettiva, cooperative della ristorazione, ma anche discoteche, sale giochi e infine stabilimenti balneari.
L’aumento a regime è di 100 euro, ma va sottolineato che il Contratto ha anche altri elementi di novità, come il rafforzamento dell’assistenza sanitaria integrativa e la flessibilità nella distribuzione oraria. In particolare viene introdotto l’orario multiperiodale, che consente una flessibilità positiva e negativa. I permessi (ROL) verranno ora maturati al 50% dopo il primo biennio dall’assunzione del lavoratore, che potrà fruirne della totalità quando avrà maturato 4 anni di permanenza nell’impresa. Gli scatti di anzianità, poi, vengono portati a 4 anni.
“Ristoranti e bar rappresentano una colonna portante del nostro sviluppo turistico – conclude il presidente della Confcommercio provinciale Sergio Rebecca – e oltre ad essere testimoni di un territorio, delle sue ricchezze enogastronomiche e tradizioni, sono anche un baluardo di vitalità in città, quartieri e paesi. Questo contratto è dunque uno strumento di modernità e flessibilità che può aiutare anche la nostra provincia nel suo percorso di crescita dell’economia turistica, sempre più strategica nel contesto economico vicentino”.

PER ESSERE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CRONACA DI VICENZA ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA Per essere aggiornato con Tviweb entra nel GRUPPO FACEBOOK TVIWEB - NOTIZIE VICENZA E PROVINCIA (Clicca qui)
TEATRO
AMIS
ADC
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

TEATRO
AMIS
ADC
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti