8 Luglio 2024 - 15.21

Perché alcuni hanno paura dei clown? Come si spiega la coulrofobia?

La coulrofobia: La paura irrazionale dei clown

Occhi grandi, carnagione pallida, bocca larga, sorriso fisso e un naso rosso gigante: il clown è solitamente visto come una figura comica destinata a portare gioia e leggerezza. Tuttavia, per molti, questo personaggio con il suo cappello traballante e il suo aspetto malizioso scatena una paura irrazionale nota come coulrofobia.

Un sentimento di minaccia

Uno dei film horror che ha traumatizzato generazioni di bambini e adulti è “It”, con il suo personaggio di clown assassino, Pennywise. Al di là dei clown assassini, questo personaggio apparentemente bonario provoca repulsione e terrore in alcune persone. Anche se può sembrare strano, la coulrofobia è un fenomeno diffuso. Secondo un’importante indagine condotta dalla South Yale University, il 53,5% degli intervistati afferma di avere paura dei clown e il 5% dichiara di provare una paura estrema.

I ricercatori hanno identificato diverse ragioni per questa paura irrazionale. Nell’International Journal of Mental Health, spiegano che la coulrofobia può essere causata dal “sentimento strano o inquietante dovuto al trucco dei clown, che conferisce loro un aspetto non del tutto umano”, così come “i tratti esagerati” del viso dei clown che trasmettono una sensazione di minaccia. Anche il trucco dei clown è accusato di creare incertezza. Il loro comportamento imprevedibile può mettere a disagio.

Una simbologia legata alla morte

Secondo il dottor Fernando De Amorim, psicoterapeuta e psicoanalista a Parigi, intervistato da Santé Magazine, “il clown malvagio sarebbe in realtà un’esagerazione della storia di ciascuno di noi. Un essere truccato può spaventare bambini o persone fragili, poiché la maschera risveglia nell’individuo comune la propria storia, i propri desideri, le proprie fantasie, la propria aggressività”. Un’altra spiegazione della coulrofobia potrebbe essere la “teoria della valle perturbante”. Secondo questo fenomeno, introdotto dal giapponese Masahiro Mori, le persone dall’aspetto umano leggermente deformato ci spaventano e ci disturbano. Avrebbe una simbologia legata alla morte. “Il colore del trucco dei clown ci ricorda la morte, l’infezione o le lesioni sanguigne, suscitando disgusto o evitamento”, scrivono i ricercatori della South Yale University.

Nonostante tutto, è possibile curare e superare questa paura irrazionale dei clown. La terapia cognitivo-comportamentale è consigliata per confrontare i coulrofobi con la loro fobia. I terapeuti suggeriscono anche di guardare regolarmente film con clown cattivi per circa quindici minuti al giorno per desensibilizzarsi o di andare al circo per familiarizzare con questa figura bizzarra.

VICENZA CITTA UNIVERSITARIA
AGSM AIM
duepunti
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

VICENZA CITTA UNIVERSITARIA
AGSM AIM
duepunti
CAPITALE CULTURA
UNICHIMICA