1 Marzo 2021 - 8.10

36 enne arrestato nel Vicentino con 93 ovuli di cocaina ed eroina nello stomaco

Per essere aggiornato sulle notizie di cronaca di Vicenza e dintorni iscriviti al gruppo Facebook: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA Per essere aggiornato con Tviweb entra nel GRUPPO FACEBOOK TVIWEB - NOTIZIE VICENZA E PROVINCIA (Clicca qui)

I finanzieri del Comando Provinciale di Vicenza hanno arrestato O.D., cittadino nigeriano di 36 anni (con permesso di soggiorno come richiedente asilo, poi revocato), trovato in possesso di oltre un chilo e cento grammi di sostanza stupefacente del tipo eroina e cocaina.

I militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Vicenza, impegnati nei controlli sui passeggeri in transito nelle stazioni e nell’ambio della rete ferroviaria, saliti a bordo del treno locale sulla tratta Verona-Vicenza-Padova, hanno proceduto, anche con l’ausilio delle unità cinofile in forza alla Compagnia di Vicenza, a controllare i passeggeri in viaggio.

Hanno fermato per accertamenti sull’identità O.D., riscontrando, tramite personale ferroviario, come l’uomo fosse arrivato a Vicenza da Napoli nella prima mattinata dello stesso giorno (24 febbraio 2021) e che lo stesso giorno fosse già di ritorno per il capoluogo campano, cosa che è apparsa subito paradossale e sospetta anche in ragione della pandemia in corso e del divieto di spostamento tra le regioni.

Il soggetto peraltro, oltre a mostrarsi particolarmente nervoso e a fornire vaghe giustificazioni ai militari sulla sua presenza nel Vicentino (visita alla città per ammirare i monumenti), destava una, seppur leggera, attenzione da parte dell’unità cinofila di supporto ai militari.

L’uomo è stato fatto scendere alla stazione ferroviaria di Grisignano di Zocco (Vicenza) per proseguire le operazioni di controllo in maniera più approfondita; sull’esiguo bagaglio al seguito, tuttavia, non veniva rinvenuta sostanza stupefacente ma alcune bottigliette di acqua e di birra, anche parzialmente usate, che destavano nei militari il forte sospetto che le stesse potessero essere state utilizzate per facilitare l’ingestione di ovuli di sostanza stupefacente ai fini di un successivo trasporto occulto all’interno dello stomaco. E’ stata quindi contattata la l’A.G. di turno, che ragguagliata in merito all’operazione in corso, ha autorizzato l’esecuzione di accertamenti radiologici per fine verificare l’eventuale ingerimento di sostanza stupefacente.

Le successive radiografie e TAC eseguite presso il pronto soccorso del San Bortolo hanno confermato che, nell’apparato digerente del soggetto controllato, si trovava una quantità notevole di ovuli, risultati poi contenere stupefacenti.

La conseguente procedura di espulsione degli ovuli si è prolungata per 2 giorni, nel corso dei quali l’uomo, rimanendo in stato di arresto, è stato costantemente piantonato dai finanzieri vicentini in ospedale; il soggetto, è stato assistito costantemente dai sanitari, fino all’espulsione definitiva dell’ultimo ovulo. In totale, il cittadino nigeriano è risultato avere ingerito 93 ovuli contenenti quasi 1.100 grammi di sostanza stupefacente, di cui 14 ovuli contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina e 79 ovuli contenenti sostanza stupefacente del tipo eroina. La droga, probabilmente proveniente dal mercato berico, al dettaglio avrebbe avuto un valore complessivo di oltre 50 mila euro.

A seguito delle dimissioni dall’Ospedale San Bortolo, l’arrestato – presente sul territorio nazionale almeno dal 2015, privo di qualsiasi fonte di reddito dichiarato – è stato tradotto in carcere a Vicenza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Al soggetto arrestato, presente sul territorio nazionale poiché inizialmente munito di permesso di soggiorno quale richiedente asilo, è stato inoltre notificato, a seguito di verifica delle banche dati in uso alle forze di polizia, un provvedimento di revoca del decreto di accoglienza emesso dalla Prefettura di Salerno nell’anno 2018.

La competente autorità giudiziaria berica ha convalidato l’arresto dell’uomo con prosecuzione della detenzione in carcere.

L’attività di polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle ha così interrotto l’attività di traffico illecito nel mercato di sostanze stupefacenti illegali destinate a “pusher” del capoluogo berico per lo spaccio ai propri “clienti” di droghe anche da iniettarsi, con grave danno per la loro stessa salute e per l’incolumità della pubblica cittadinanza con la quale essi vengono in contatto. 

Per essere aggiornato sulle notizie di cronaca di Vicenza e dintorni iscriviti al gruppo Facebook: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA Per essere aggiornato con Tviweb entra nel GRUPPO FACEBOOK TVIWEB - NOTIZIE VICENZA E PROVINCIA (Clicca qui)
READY2GO
CHECKPOINT
OASIREJUVE
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
CPV

Potrebbe interessarti anche:

READY2GO
CHECKPOINT
OASIREJUVE
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
Vai alla barra degli strumenti