8 Luglio 2024 - 11.22

Temperatura globale – Un anno di anomalie termiche: giugno 2024 è il più caldo mai registratoTemperatura globale:

È passato un anno da quando il mondo non ha più vissuto un mese “normale” in termini di temperature. Secondo i dati pubblicati dal Copernicus Climate Change Service (C3S), il mese di giugno 2024 è stato il dodicesimo mese consecutivo a superare la soglia simbolica di +1,5°C di riscaldamento rispetto ai livelli dell’era preindustriale (1850-1900). Con una temperatura media dell’aria di 16,66°C, giugno 2024 è il mese di giugno più caldo mai registrato dal servizio europeo, superando di 0,14°C il precedente record detenuto da giugno 2023.

“Giugno rappresenta il dodicesimo mese consecutivo sopra i 1,5°C rispetto all’era preindustriale. Non si tratta solo di una curiosità statistica, ma di un cambiamento importante e continuo del nostro clima”, ha avvertito Carlo Buontempo, direttore del C3S, in un comunicato pubblicato lunedì 8 luglio. “Anche se questa serie di estremi finirà a un certo punto, nuovi record saranno certamente battuti man mano che il clima continuerà a riscaldarsi. Questo fenomeno è inevitabile, a meno che non smettiamo di aggiungere gas serra nell’atmosfera e negli oceani”, ha aggiunto. Sebbene il mondo stia sperimentando temperature superiori di 1,5°C rispetto a quelle dell’era preindustriale da un anno, ciò non significa che questa soglia simbolica e cruciale per il pianeta sia stata superata. Per essere certi che sia stata oltrepassata, il termometro mondiale deve rimanere sopra i +1,5°C di riscaldamento per diversi anni consecutivi.

Situazione contrastante in Europa

La situazione rimane preoccupante. Secondo i dati di Copernicus, giugno è stato il tredicesimo mese consecutivo a essere il più caldo mai registrato a livello globale. Sebbene questi dati siano insoliti, una serie simile è stata registrata negli anni 2015-2016, durante l’ultimo episodio di forte El Niño, un fenomeno oceanico sinonimo di surriscaldamento globale, presente anche nel 2023-2024.

Per il 2025, con l’arrivo di La Niña, il “condizionatore” del pianeta, questa serie di record potrebbe (temporaneamente) interrompersi, poiché il fenomeno è generalmente sinonimo di una (leggera) diminuzione delle temperature.

In Europa, sebbene giugno sia stato anch’esso record, la situazione è stata più contrastante a seconda delle regioni. Secondo Copernicus, la temperatura media sul Vecchio Continente per questo mese di giugno è stata superiore di 1,57°C rispetto a un mese di giugno medio nel periodo 1991-2020, rendendolo il secondo mese di giugno più caldo mai registrato.

Le temperature sono state significativamente sopra la media in Turchia, mentre erano vicine o inferiori alle normali stagionali nell’Europa occidentale, in Islanda e nel nord-ovest della Russia. In Francia, secondo Météo-France, nonostante la percezione di un mese di giugno “deludente” a causa della mancanza di sole, il mese è stato conforme alle medie stagionali, diventando così il 29º consecutivo a trovarsi nella norma o sopra le medie stagionali. Tuttavia, giugno è stato più piovoso della media in Francia, Germania, Italia e Svizzera, causando importanti inondazioni. Stessa situazione in Islanda e in Europa centrale. Al contrario, in Irlanda, Regno Unito, sud Italia e gran parte dell’Europa orientale, soprattutto intorno al Mar Nero, le condizioni sono state più secche del normale.

Oltre l’Europa, le temperature registrate da Copernicus sono state sopra la norma in Canada, ovest degli Stati Uniti, Messico, Brasile, nord della Siberia – colpita da incendi importanti – Medio Oriente, Nord Africa e ovest dell’Antartide. Invece, le temperature sono state inferiori alle medie stagionali nell’est del Pacifico equatoriale, segno dello sviluppo di La Niña. Tuttavia, la temperatura degli oceani è rimasta insolitamente alta per la stagione, in particolare nel Mar dei Caraibi, permettendo lo sviluppo dell’uragano Beryl che ha colpito soprattutto Grenada e Giamaica.

Ultime considerazioni dal bilancio di C3S per il mese di giugno: la temperatura media dell’oceano è stata valutata a 20,85°C, il valore più alto mai registrato in questo periodo dell’anno, segnando il quindicesimo mese consecutivo in cui la temperatura della superficie del mare batte un record.

Per quanto riguarda la criosfera, motivo di preoccupazione per le organizzazioni mondiali, l’estensione del ghiaccio in Artico è inferiore del 3% rispetto alla media e vicina ai valori più bassi osservati dal 2010. L’estensione della banchisa in Antartico è inferiore del 12%, il secondo valore più basso mai registrato per un mese di giugno, subito dopo giugno 2023 con il suo -16%.

VICENZA CITTA UNIVERSITARIA
AGSM AIM
duepunti
UNICHIMICA

Potrebbe interessarti anche:

VICENZA CITTA UNIVERSITARIA
AGSM AIM
duepunti
CAPITALE CULTURA
UNICHIMICA