14 novembre 2017 - 17.25

VICENZA – A teatro “I 4 moschettieri in America”

PER ESSERE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CRONACA DI VICENZA ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA

Domenica 19 novembre al Teatro Astra per “Famiglie a Teatro 17/18” la compagnia pisana dei Sacchi di Sabbia una irresistibile produzione dedicata al pubblico di tutte le età.

“I 4 MOSCHETTIERI IN AMERICA”, GLI EROI DI DUMAS CATAPULTATI NEGLI ANNI ’30 TRA TEATRO E POP-UP
Un pastiche alla maniera di Nizza e Morbelli che si avvale di gustose contaminazioni, dal cinema di Billy Wilder, ai testi di Jules Verne, alle moderne graphic novel.
(Vicenza, 14.11.2017) Cosa può succedere ad uno dei più grandi capolavori della letteratura quando cade nelle mani di una delle compagnie teatrali più acclamate e premiate della scena nazionale per le sue irresistibili rivisitazioni in forma di parodia? Venite a scoprirlo al Teatro Astra, dove domenica 19 novembre (ore 17) andrà in scena “I 4 MOSCHETTIERI IN AMERICA” dei Sacchi di Sabbia: uno spettacolo dedicato al pubblico di tutte le età (dai 6 anni in su) e che fa parte del cartellone di “FAMIGLIE A TEATRO 2017-18”, il progetto del Teatro Astra curato da La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale per il Comune di Vicenza – Assessorato alla Crescita con il sostegno di MiBACT, Regione Veneto e Provincia di Vicenza.
Lo spettacolo è una riscrittura originale delle famose gesta di Athos, Porthos, Aramis e D’Artagnan: una gustosa parodia in cui i 4 personaggi nati dalla penna di Dumas si ritrovano catapultati nell’America degli anni Trenta dove – tra gangster, pupe e sparatorie – inseguono il sogno di una nuova grandezza, che solo il cinema potrà soddisfare. Inaccettabile, per loro, che la società di massa americana faccia loro la festa, e così al cinema delle major che dapprima li ha rifiutati oppongono un esilarante pastiche che si avvale di una serie di contaminazioni, dal cinema di Billy Wilder ai testi di Jules Verne, fino al pop-up e alle moderne graphic novel.

Scritto da Giovanni Guerrieri e interpretato da Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri e Giulia Solano, lo spettacolo nasce inizialmente come radiodramma per Radio 3, prodotto in occasione dell’80° anniversario della messa in onda della prima puntanta de “I 4 moschettieri”, celeberrima parodia di Angelo Nizza e Riccardo Morbelli, due giovani autori piemontesi che tennero in vita ininterrottamente per quattro anni le avventure dei moschettieri di Dumas, rivisitandole in stile parodistico. La “radiorivista” (così venne definita ai tempi) si impose in poche settimane come un vero e proprio fenomeno di costume, contribuendo decisamente alla diffusione e alla vendita degli apparecchi radiofonici in Italia e lasciando un segno indelebile nell’immaginario collettivo nazionale (“la trasmissione più seguita di tutti i tempi”) ergendosi a crocevia delle più disparate esperienze artistiche e pubblicistiche (pubblicità, teatro, radiofonia, grafica). Persino il cinema di quegli anni ne fu influenzato:
“Il Feroce Saladino” di Mario Bonnard (1936) e “I 4 Moschettieri” di Carlo Campogalliani con le marionette dei Fratelli Colla ne sono fulgidi esempi.

A quella incredibile esperienza, nel 2014 I Sacchi di Sabbia (Premio Speciale Ubu 2008 e Premio della Critica 2011) hanno dato un sequel, dapprima all’interno del progetto Radio Days di Santarcangelo 14, e poi sulle tavole dei teatri, con uno spettacolo che ripropone, in un’inedita sperimentazione visiva, le atmosfere e i personaggi del radiodramma. Una galleria di invenzioni sceniche, libri pop-up, teatro d’ombre, immagini tracciate dal vivo con la complicità del pittore Guido Bortoli, narrazioni in rima e soprattutto una trama esilarante. Un lavoro in cui convivono più piani di lettura rendendo l’intero spettacolo fruibile a una platea assolutamente trasversale e intergenerazionale.

“Restituire un radiodramma alla sua fruizione visiva, tracciare figure lasciando a chi guarda il lavoro di immaginare, è il cuore di questa avventura dedicata ai piccoli spettatori” – spiega Giovanni Guerrieri, che firma anche la regia dello spettacolo insieme a Giulia Gallo, autrice della geniale architettura delle costruzioni sceniche.

Biglietti: intero € 6,50, ridotto adulti e bambini € 5. Prevendite on-line su www.teatroastra.it e presso l’Ufficio Teatro Astra dal mercoledì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17.45. Vendite al botteghino la domenica pomeriggio a partire dalle ore 16.

A disposizione del pubblico il parcheggio gratuito del Circolo Tennis Palladio 98. Il parcheggio ha capienza limitata: si consiglia di arrivare in anticipo. Per altri parcheggi limitrofi, consultare il sito http://www.aimmobilita.it/it/mobilita/auto.
Info e prenotazioni: Ufficio Teatro Astra, Contrà Barche 55 (Vicenza), telefono 0444 323725, info@teatroastra.it, www.teatroastra.it

PER ESSERE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CRONACA DI VICENZA ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA
ANTISMOKING
VILLA CANAL
GELOSI
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV
TEATRO COMUNALE VICENZA
COSATIPORTO

Potrebbe interessarti anche:

ANTISMOKING
AIM MI RIFIUTO