15 Luglio 2019 - 18.20

Banda delle slot: 3 condannati, tra cui una commessa (GUARDA IL VIDEO)

Per restare aggiornati sulle notizie di Schio e dell'Alto Vicentino iscriviti alla pagina SCHIO – THIENE – BASSA-NO - ALTO VICENTINO NEWS

Sono arrivate oggi le condanne del Tribunale di Vicenza per i componenti della cosiddetta ‘banda delle slot’ (leggi la notizia sotto)

Tre i condannati: Marko Milanovic, Danijel Ocausanin e Denise
Carlesso.

Il primo condannato a cinque anni di reclusione e 1.800 euro di multa, Ocausanin alla pena di quattro anni, sei mesi e venti giorni di reclusione ed €1.600 di multa, e Carlesso alla pena di quattro anni, nove mesi e dieci giorni di reclusione ed €1.533 di multa, e tutti al pagamento delle spese processuali;
Milanovic e Ocausanin sono anche condannati al pagamento delle spese di custodia in carcere.

La notizia del 3 aprile

RAPINE ALLE SALE SLOT: IN MANETTE 3 COMPONENTI DI UNA BANDA”

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Bassano del Grappa hanno tratto arrestato tre componenti di una banda dedita alla rapina aggravata di sale slot nel vicentino:Milanovic Marko, serbo 27enne, residente a Piovene Rocchette; Ocausanin Danijel, 33enne proveniente dall’ex Bosnia-Erzegovina, residente a Thiene;Carlesso Denise, 25enne di Bassano del Grappa, residente a Nove.

Le indagini dei Carabinieri prendono il via da una rapina aggravata commessa il 20 ottobre scorso alla sala giochi “El Dorado” di via Capitelvecchio di Bassano del Grappa: alle 3 di notte i rapinatori irrompono nella sala slot armati di pistola e coltello, riuscendo ad impossessarsi di 1500 euro in contanti.

Il primo sopralluogo porta all’acquisizione dei filmati ed all’interrogatorio della commessa presente al momento della rapina, Denise Carlesso, che senza mostrarsi più di tanto scossa dall’avvenimento riferisce ai militari di essere stata percossa e di aver identificato i rapinatori come “nordafricani”.

La versione della Carlesso lascia qualche dubbio ai Carabinieri, dubbio sostenuto subito dalla visione integrale dei filmati poiché: durante l’irruzione la Carlesso non subisce mai percosse; gli individui sono pesantemente camuffati, in maniera tale da renderne impossibile sia l’identificazione che la percezione di qualsivoglia dettaglio; i rapinatori vanno a colpo sicuro, dopo la cassa, verso un nascondiglio all’interno di uno stanzino dove veniva custodita la maggior parte del contante.

I militari del NORM danno quindi il via ad un’attività di indagine tecnica, con acquisizione di tabulati, telecamere ed approfondita attività informativa.

Durante l’attività d’indagine il 28 novembre scorso si verifica un evento analogo a Zané, sempre in una sala slot del gruppo “El Dorado”: la possibile connessione emerge non solo dalle similitudini, ma anche dall’interrogatorio della dipendente al momento della rapina, che afferma di aver notato gli occhi chiari di uno dei due rapinatori, simili a quelli di un certo Marko, fidanzato della sua collega Denise Carlesso. Fra l’altro quest’ultima aveva lavorato anche in questa sala slot qualche tempo fa.

Il cerchio continua a stringersi sui responsabili, con elementi sempre più forti che portano all’identificazione di Milanovic Marko e di Ocausanin Danijel come autori materiali delle rapine e di Denise Carlesso come “basista”.

Il 18 gennaio viene rapinata la sala slot “El Dorado” di Malo, un colpo da quasi 5.000 euro, sempre con medesimo modus operandi, in cui però i Carabinieri della Compagnia di Schio intervengono rintracciando ed arrestando Milanovic Marko ed il complice Ocausanin Danijel, sequestrando anche una pistola. L’analisi dell’evento fa emergere altri elementi che certificano le responsabilità dei soggetti: Denise Carlesso ha lavorato anche alla sala slot di Malo; dall’analisi della videosorveglianza si vedono la Carlesso ed il Milanovic mentre effettuano un sopralluogo il giorno precedente la rapina; poco prima della rapina la Carlesso invia un messaggio alla collega in servizio per sapere quante persone sono all’interno della sala slot.

Quanto raccolto porta quindi i Carabinieri a richiedere l’emissione di ordinanza di custodia cautelare a carico dei tre indagati: nella mattina di ieri sono stati notificati i provvedimenti a Milanovic e Ocausanin, ancora detenuti a Vicenza, ed è stata posta ai domiciliari Carlesso Denise. Le accuse sono di concorso in rapina pluriaggravata, lesioni personali e porto illegale di armi.

Per restare aggiornati sulle notizie di Schio e dell'Alto Vicentino iscriviti alla pagina SCHIO – THIENE – BASSA-NO - ALTO VICENTINO NEWS
TEATRO
ADC
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

TEATRO
ADC
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti