29 Maggio 2020 - 10.13

PASSAGGIO A NORD – Quando le montagne sono incantate: Tonezza del Cimone e la spada nella roccia

Per essere aggiornato sulle notizie di cronaca di Vicenza e dintorni iscriviti al gruppo Facebook: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA

Prati, boschi, laghetti, ruscelli: la vita in montagna è un universo affascinante e meraviglioso da scoprire per tutti i bambini. È il mondo degli spazi liberi, degli animali al pascolo, dell’aria buona, dell’erba profumata, dei frutti selvatici così golosi, ma anche dei girini nello stagno, dei canti degli uccelli, delle orme di animali misteriosi, dei fiori dai mille colori. Tutto in montagna sembra essere stato creato per stimolare la fantasia e l’immaginazione dei più piccoli. Ambienti tanto suggestivi, quanto diversi da quelli della quotidianità, ai quali possiamo fare appassionare anche i bambini, stimolando magari la loro curiosità con racconti e storie, o facendoli sentire parte di una fantastica avventura durante il cammino. E quale avventura più gloriosa se non quella legata alla leggendaria spada di Re Artù? Proprio nelle montagne vicentine, esiste una spada che aspetta ancora il suo nobile cavaliere per essere estratta.

Il sentiero Excalibur a Tonezza del Cimone     
Il percorso didattico naturalistico Excalibur si trova in uno dei luoghi più suggestivi dell’altopiano di Tonezza. Si tratta di una passeggiata semplice e adatta anche ai più piccoli, che si snoda tra secolari faggi, abeti e larici. Arrivare all’imbocco del sentiero è molto facile: dal centro del paese, si prosegue in auto per la statale che conduce a Folgaria, si sorpassa la caserma dell’aeronautica, si prende la strada che scende sulla sinistra in Contrà Sella e si parcheggia nei pressi della Baita Pontara. Durante il percorso, si incontrano diversi pannelli informativi che raccontano la storia di questi luoghi magici: dalle dolci linee del paesaggio, dove all’inizio della primavera, il croco riveste come un mantello bianco le verdi distese dei pascoli, al vecchio rustico che si specchia in una piccola pozza d’acqua insieme ad un secolare faggio dalla gigantesca chioma. Il Baito delle Coste, questo il nome del rustico che si incontra lungo il cammino, è una struttura in pietra la cui tipologia è rimasta inalterata nel tempo. È costituito da una parte bassa adibita a stalla, dove le mucche venivano radunate la sera al ritorno dal pascolo, e da una parte sovrastante, rappresentata dal fienile, in cui veniva riposto il fieno raccolto durante l’estate.         
Subito dopo si entra in un ampio e luminoso bosco di larici, che un tempo era percorso dal bestiame per raggiungere i pascoli della zona. Qui il sentiero risulta delimitato da ambo le parti da vecchi muretti a secco costruiti con pietre ricavate in loco.           
Si continua a camminare fino alla Contrà Vallà, un piccolo e affascinante nucleo abitativo nato intorno al 1860. Forse è stata l’acqua, limpida e pulita, o forse la terra, fertile per coltivare segala, patate, orzo e fagioli, a convincere pastori ed alberi a piantare qui salde e forti radici.        
Si arriva poi alla Valle dei Ciliegi, dove i pascoli accolgono ancora oggi le radici dei vecchi ciliegi che una volta venivano utilizzati dalle foglie alle radici: i frutti venivano mangiati insieme alla polenta, le foglie date alle mucche, i rami usati come legna da ardere e il tronco lavorato per la fabbricazione dei mobili.           
Non manca poi la visita al fortino, costruito sulla roccia dall’esercito austro-ungarico che invase l’altopiano di Tonezza il 15 maggio 1916, in seguito alla grande offensiva battezzata Strafexpedition. Il fortino è raggiungibile attraverso uno stretto sentiero, posto tra le due diramazioni che portano una alla cava e l’altra alla sorgente.    
La stazione successiva ci porta proprio alla scoperta di antiche cave, raggiungibili percorrendo il sentiero che si snoda a sinistra del fortino attraverso un bosco di faggi e abeti. Il paesaggio, immerso tra questi maestosi alberi, si caratterizza per la presenza di numerosi muretti a secco e di vecchie cave, ormai quasi completamente interrate. Poco distante da qui troviamo anche la sorgente Canaletto, un tempo fonte preziosa di acqua per gli abitanti di Contrà Vallà.              
Superata la Valle dei Ciliegi, il sentiero prosegue in leggera salita fino ad arrivare in prossimità di una trincea, che risale all’epoca della Grande Guerra.        
C’è infine l’incontro con un fitto bosco di faggi: il sottobosco della faggeta ospita, nelle diverse stagioni, differenti specie di fiori. Da febbraio a marzo fanno la loro comparsa il bucaneve, il campanellino, e più tardi la pervinca; da aprile a giugno, la veccia e il nido d’uccello. Durante l’estate, l’ampia copertura fogliare della faggeta prepara l’ambiente del sottobosco per accogliere il ciclamino.
E la spada Excalibur? Non resta che fare questa bellissima escursione per capire dove si nasconde e se siete proprio voi i temerari cavalieri che da tempo attende.

Tra storia e leggenda         
Che cosa hanno in comune Tonezza del Cimone ed Excalibur? Entrambe sicuramente di battaglie ne hanno viste: questo territorio montano vicentino fu infatti teatro di sanguinosi combattimenti durante la Prima guerra mondiale, mentre nel secondo conflitto mondiale divenne presidio tedesco e sede di una scuola della guardia repubblicana. Excalibur, dal canto suo, difese la verità e la giustizia per tutti i giorni della sua vita, insieme al re di Britannia. Nelle versioni recenti del mito arturiano, Excalibur è infatti identificata con la spada nella roccia. In altre opere del ciclo arturiano, invece, le due spade sono distinte e la vera Excalibur viene donata ad Artù dalla Dama del Lago.

Per essere aggiornato sulle notizie di cronaca di Vicenza e dintorni iscriviti al gruppo Facebook: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA
CHECKPOINT
AIM
AIM TREV
OASIREJUVE
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

CHECKPOINT
AIM TREV
AIM TREV
OASIREJUVE
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti