21 Febbraio 2020 - 9.11

PASSAGGIO A NORD – Addio all’inverno a Recoaro Terme con la Chiamata di marzo

Per restare aggiornato iscriviti al gruppo Facebook: ARZIGNANO-MONTECCHIO OVEST VICENTINO NOTIZIE

Si respira aria di primavera a Recoaro Terme: è tutto pronto per la “Chiamata di marzo”, la festosa manifestazione che domenica 23 febbraio vedrà sfilare per le vie della cittadina centinaia e centinaia di figuranti in costume, che, a piedi o sui carri allestiti con ogni genere di scenografie, metteranno in mostra una straordinaria serie di oggetti, attrezzi e testimonianze della civiltà e della tradizione cimbra. L’evento, che si svolge con cadenza biennale dalla sua reintroduzione, giunge quest’anno alla sua ventiduesima rappresentazione e vuole come sempre celebrare l’arrivo della primavera dopo il lungo inverno. L’origine di questa grande festa si perde nella notte dei tempi: già gli antichi Greci celebravano Afrodite, dea della primavera, la stagione dei fiori, della generazione e dell’amore. Anche per i Romani il mese di marzo aveva una valenza importante: l’anno romano iniziava proprio il 1° marzo e durante questo periodo si tenevano le grandi assemblee generali. A Recoaro la festa viene celebrata con grande entusiasmo e partecipazione già a partire dal diciannovesimo secolo per “risvegliare la primavera, assopita dopo il lungo inverno. Chiamarla a gran voce, con corni, recùbele, snàtare e ogni sorta di strumento e arnese. Rivivere nel sogno di un giorno giochi e fatiche di una montagna che fu, scendendo dalle oltre cento contrade per ritrovarsi e di nuovo far festa, finalmente”.

La tradizione           
L’evento, che si tiene sempre nell’ultima domenica di febbraio, in passato era la manifestazione spontanea della gioia che invadeva gli animi della gente di montagna al primo tepore primaverile: le persone potevano finalmente riprendere i rapporti e le comunicazioni con gli abitanti delle altre contrade e del paese, dopo molti mesi in cui erano state costrette a rinchiudersi in casa o nelle stalle per via delle rigide temperature. Verso l’imbrunire, centinaia di pastori, mandriani e contadini, insieme alle loro famiglie, si radunavano così nelle proprie contrade, scendevano poi in paese, abbigliati con fogge e costumi stravaganti, in un corteo compatto e allegro. Oggi, per l’occasione, le storie, i mestieri, i prodotti e il folclore del passato recoarese rivivono in un’affascinante girandola di scorci e di dettagli recuperati dai secoli passati. La Chiamata di marzo è insomma storia di gente di montagna e dei tempi in cui gli uomini indossavano ornamenti fatti di rami e fronde, abiti vecchi dai colori vari e vivaci, stelle alpine sul cappello alla montanara; mentre le contadinelle e le montanare sfoggiavano gli abiti migliori, adorne di merletti e dei primi fiori. E in mezzo al grande, allegro corteo non potevano mancare gli animali: asini, buoi, capre e perfino conigli e galline, che insieme agli uomini avevano condiviso i lunghi giorni dell’isolamento invernale. Tutti si ritrovavano nella piazza con i propri attrezzi di lavoro, i propri animali e con ogni possibile arnese trasportabile. Alla testa della folla sfilavano per primi i cacciatori, armati di vecchi archibugi con i quali più tardi, mentre si intrecciavano le danze, salutavano a salve l’arrivo di marzo. Il corno, il “rècubele” e le “snatare” completavano il gaio frastuono, mentre i bambini agitavano campanelli (le “ciochète”) e le campane suonavano a festa.

Il programma della ventiduesima edizione       
L’inizio della sfilata è previsto alle 14:00, ma i primi carri prenderanno posizione in centro storico già dalle 9:30. Dalle 10:00 sarà in funzione lo stand gastronomico, in attesa della sfilata. Dalle 17:30, nel piazzale della cabinovia ci saranno la premiazione del concorso “La vetrina della Chiamata di marzo” e la premiazione dei carri.

La Chiamata di marzo è anche poesia    
Tradizione passata di generazione in generazione, di popolo in popolo fino ai nostri giorni, la Chiamata di marzo è un momento che è meglio spiegare con le parole di chi non l’ha mai vista, perché l’ha sempre fatta: “è un’attesa lunga due anni, è fierezza, è orgoglio, è trovarsi mesi prima per organizzare e sapere già che ogni incontro sarà una festa, è finirne una e pensare già alla prossima, semplicemente è la nostra festa. Quella festa che unisce tutti, che tutti non vedono l’ora arrivi. Quella giornata di festa che sembra duri soltanto cinque minuti rispetto a tutto il tempo che l’aspettiamo: non te ne rendi nemmeno conto, un battito di ciglia e tutto è già finito. Il giorno dopo ti svegli e quasi ti scende la lacrimuccia, torni in centro e vedi le strade “segnate” dalla grande festa del giorno prima, i piedi quasi non li muovi da quanto fanno male ma la Chiamata di marzo è anche questo. È unione, è la soddisfazione di aver fatto divertire e essersi divertiti perché poi il freddo passa, il male ai piedi lo sopporti, anzi, ci balli pure sopra perché quel male non lo vuoi proprio sentire. È quella sensazione di stanchezza infinita ma che ti rende dannatamente felice.  È quell’emozione di sentire tutti insieme cantare “fora febraro che marso xè qua”! E se sei un recoarese ti viene semplicemente il pel d’oca dall’emozione. Perché la Chiamata di marzo è una cosa troppo importante, la Chiamata di marzo è storia di gente di montagna” (Morgana Faccio, recoarese).

Per restare aggiornato iscriviti al gruppo Facebook: ARZIGNANO-MONTECCHIO OVEST VICENTINO NOTIZIE
MOSTRA BASILICA
OASIREJUVE
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

MOSTRA BASILICA
OASIREJUVE
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti