17 Giugno 2020 - 14.06

Made in Veneto: nasce la colonnina anti-Covid

Per essere aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti al gruppo Facebook: VENETO NOTIZIE



La numero “1” è andata al Presidente della Regione Veneto Luca Zaia e all’assessore regionale allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato. Consegnata a Venezia dai titolari delle aziende vicentine, T3 Progetti e Borinato Security, che l’hanno pensata e realizzata. Un prodotto Made in Veneto frutto dell’intuito, dell’ingegno e della lungimiranza degli imprenditori vicentini. Si tratta della “Colonnina EVO” (dove evo sta per evoluzione) che risponde, nella gestione post Covid-19, alle esigenze di igiene e di controllo della temperatura che il virus richiede negli spazi chiusi. La colonnina infatti comprende: il dispenser gel manuale o automatico, 5 litri di gel certificato, due vassoi laterali per riporre scatole di guanti e mascherine, un termoscanner professionale per la misurazione della temperatura corporea e un sistema di riconoscimento dell’indosso della mascherina (oltre all’alloggiamento a scomparsa nel retro per la tanica di gel). Tutto in un unico dispositivo di design. L’hanno realizzata due imprese vicentine, la “T3 Progetti srl” di Altavilla (che progetta e produce espositori durevoli per punti vendita), e la “Borinato Security” in Val Liona (azienda di rivendita e distribuzione per sistemi di sicurezza, videosorveglianza ed automazioni) che hanno messo insieme esperienza, perspicacia e soprattutto nell’emergenza hanno valorizzato al meglio le capacità, le competenze e le tecnologie già disponibili in azienda.
La storia della “colonnina EVO” parte nel 2015 quando la T3 Progetti, su commissione per una catena di supermercati veneti e grazie all’esperienza nel settore, realizza un dispositivo dispenser gel sanificante per le mani, un prodotto collaudato e testato negli anni che nel 2019 ottiene la certificazione TUV, riconoscimento di qualità e affidabilità. La T3 nella prima fase di lockdown si attiva subito, regalando ad alcuni enti il dispositivo per la pulizia delle mani (Questura di Vicenza, comuni di Chiampo, Gambugliano, Monteviale) e il prodotto vola nel mercato estero. Ma la necessità di prevenire il contagio rende fondamentale, oltre alla disinfezione delle mani, anche il rilevamento della temperatura. Ed è qui che la storia si interseca con quella di un’altra azienda vicentina, diventando un esempio di forza e di collaborazione che le imprese venete hanno nel Dna. Perchè nell’emergenza sanitaria la Borinato Security (azienda titolare del marchio BOS) sede in Val Liona, aveva capito cosa stava accadendo e quali misure sarebbero state utili a prevenire il contagio e aveva quindi stretto un accordo di esclusiva per l’approvvigionamento in Italia di dispositivi termoscanner professionali, “DET2000”, in grado di garantire l’ingresso nei luoghi pubblici e di lavoro solo a chi non ha la febbre e indossa la mascherina. Si tratta di una innovativa telecamera termica, un tablet, installato su un piedistallo: la persona si avvicina e in un solo secondo la telecamera legge con un sensore termico la temperatura corporea dal volto con una precisione di 0,3 gradi. Inoltre vede se indossa o meno la mascherina. In caso di febbre o mancata protezione, una voce comunica la violazione e scatta un allarme che può bloccare le porte automatiche o comunque avvisare che c’è una situazione di rischio. La Borinato Security nella fase 2 ha rifornito di “DET2000” negozi, studi professionali, agenzie e imprese in tutta Italia. Non ci è voluto molto quindi per i due industriali vicentini, tra l’altro già insieme nel gruppo Giovani Imprenditori Apindustria nel 2009-2011 a dar vita ad una joint tra le aziende e creare la “colonnina EVO” che in un solo dispositivo riunisce tutti i sistemi di protezione al Covid-19, dalla rilevazione della temperatura alla pulizia delle mani. “Nel momento dell’emergenza avevamo un prodotto pronto e il necessario rifornimento di gel sanificante, testato e di qualità, ma ci mancava il termoscanner professionale. Così ci siamo confrontati e abbiamo unito le forze” spiega il titolare della T3 Progetti Alessandro Trentin. “Siamo stati i primi ad avere i termoscanner di qualità – aggiunge il titolare della Borinato Security Leonardo Borinato – abbiamo diversi fornitori cinesi e ci avevano parlato di un prodotto che poteva essere interessante visto che il problema Coronavirus stava arrivando anche in Italia. Ci siamo detti: proviamoci, investiamo, e ci siamo lanciati in un mercato che non era il nostro. Così però abbiamo portato avanti l’azienda, con buoni risultati. Poi è nata la sinergia con la T3 Progetti, ci abbiamo visto lungo entrambi”. Borinato Security si occupa di tutta l’assistenza sul device elettronico e T3 Progetti della parte colonnina gel sanificante ed accessori. Una sinergia vincente. Che anche la Regione Veneto potrà testare da oggi.

Per essere aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti al gruppo Facebook: VENETO NOTIZIE
AIM TREV
CHECKPOINT
AIM
AIM TREV
OASIREJUVE
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

AIM TREV
CHECKPOINT
AIM TREV
AIM TREV
OASIREJUVE
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti