26 Luglio 2019 - 15.21

Le cooperative sociali e i migranti: “Con i tagli di Salvini impossibili percorsi di integrazione”

Per essere aggiornato sulle notizie di cronaca di Vicenza e dintorni iscriviti al gruppo Facebook: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA Per essere aggiornato con Tviweb entra nel GRUPPO FACEBOOK TVIWEB - NOTIZIE VICENZA E PROVINCIA (Clicca qui)

Comunicato congiunto delle cooperative sociali Cosmo – Vicenza, Entropia – Schio, Faiberica – Vicenza, Faggio – Asiago, Idea Nostra – Vicenza, La Goccia – Marostica, Tangram – Vicenza, Verlata  – Villaverla. Spiegano che con i tagli previsti dal Decreto Salvini ritengono impossibile quasiasi percorso di inclusione sociale. Ecco quanto scrivono:

In questi giorni sono scaduti i bandi emanati dalla Prefettura di Vicenza per la gestione del servizio di accoglienza di richiedenti asilo. Come gruppo di Cooperative sociali che operano in questo ambito, ci siamo ritrovati a dover compiere una scelta difficile circa la prosecuzione del servizio. Alcune di noi lavorano con i migranti da più di 10 anni, altre hanno iniziato nel 2015, a seguito dell’attivazione dei CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria) in convenzione con la Prefettura di Vicenza e dei Progetti Sprar (Siproimi) con alcuni Comuni della Provincia. In questi anni il nostro lavoro ci ha portato ad incontrare e ad accompagnare n° 484 persone, per le quali abbiamo sviluppato un sistema di accoglienza diffusa nel territorio, con uno stile di lavoro condiviso tra tutte le nostre organizzazioni, attivando attività trasversali e adottando prassi e linee guide comuni. Abbiamo cercato di mettere sempre al primo posto la tutela della dignità della persona, attraverso il coinvolgimento delle comunità di riferimento e nel rispetto dei cittadini e del territorio che accoglie. Ci siamo impegnati ad erogare il servizio con personale qualificato, cercando di essere trasparenti nella gestione e rendicontazione delle attività, reinvestendo risorse nell’accoglienza, nell’integrazione e nel miglioramento dei servizi offerti.

Le novità legislative introdotte a fine 2018 (vedi Decreto Salvini) hanno portato ad un taglio delle risorse giornaliere del 40%, rendendo ora impossibile qualsiasi percorso di inclusione sociale e, nello specifico, eliminando tutte le attività di integrazione a favore dei richiedenti asilo.

Dati del “bilancio dell’accoglienza” dal 2015 ad oggi

(% su 484 persone accolte)

% di persone ISCRITTI A SCUOLA (italiano L2, scuola secondaria di primo e secondo grado) 96%
% di persone INSERITI IN TIROCINI FORMATIVI 68%
% di persone coinvolte in ATTIVITA’ DI SOCIALIZZAZIONE (Teatro, sport, scambi culturali…) 51%
% di persone che hanno svolto ATTIVITA’ DI VOLONTARIATO (presso Comuni, scuole, associazioni…) 77%
N° eventi di SENSIBILIZZAZIONE 45

Tutte queste attività non sono più previste dal nuovo capitolato, che impone invece un semplice servizio di fornitura pasti e posti letto.

Noi non ci stiamo! Per noi l’accoglienza è un’altra cosa: la cooperazione sociale è da sempre in prima linea quando si tratta di perseguire l’interesse generale della comunità, la promozione umana e l’integrazione sociale dei cittadini. Non è quindi solo una questione di sostenibilità economica che ci porta a non partecipare al bando, ma la scelta di non accettare un’accoglienza che non è in grado di offrire percorsi di integrazione e assistenza fondamentali per offrire ai migranti la possibilità di una nuova vita nel nostro Paese .

Riteniamo che non è risparmiando sul costo dell’integrazione che si risolve la questione, quanto piuttosto accelerando le procedure burocratiche per il riconoscimento della protezione internazionale, che, attualmente, portano ad un protarsi delle accoglienze anche fino a 4/5 anni. Le nuove disposizioni porteranno inoltre a gravi conseguenze: considerando che i rimpatri assistiti sono meno del 20% delle richieste, tutte le persone, titolari o meno di protezione, che usciranno dai “nuovi” percorsi di accoglienza si riverseranno nei territori e andranno a pesare sulle comunità di cittadini, potenziando diverse forme di emarginazione sociale e sfruttamento lavorativo, con possibile sviluppo di sacche di micro-criminalità.

Uno sguardo più lungimirante pone l’attenzione sullo sviluppo della società e non sull’annientamento sociale di una parte di essa. Quando si parla di immigrazione, si parla del nostro futuro; auspichiamo che sia fatto di società aperte e capaci di integrare la diversità, rendendola risorsa a cui attingere per crescere in uno scambio reciproco.

Per essere aggiornato sulle notizie di cronaca di Vicenza e dintorni iscriviti al gruppo Facebook: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA Per essere aggiornato con Tviweb entra nel GRUPPO FACEBOOK TVIWEB - NOTIZIE VICENZA E PROVINCIA (Clicca qui)
OASIREJUVE
TEATRO
ADC
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

OASIREJUVE
TEATRO
ADC
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti