11 Ottobre 2019 - 16.45

L’Arpav risponde alle accuse: “Abbiamo sempre operato correttamente”

Per essere aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti al gruppo Facebook: VENETO NOTIZIE

Arpav ha emesso un comunicato per ribadire la correttezza del suo operato in merito all’emergenza Pfas.

Eccolo:

“Da alcuni  mesi vengono saltuariamente riproposte, da taluni mezzi di informazione, notizie che esprimono una valutazione critica sull’operato di ARPAV, risalente a diversi anni fa, in merito alla contaminazione da PFAS in una vasta area delle province di Vicenza, Verona e Padova nonché, in particolare, nei confronti dell’azienda individuata come fonte della contaminazione. Le critiche si basano su alcuni passaggi dell’annotazione di polizia giudiziaria dei NOE di Treviso del luglio 2018, conclusiva delle indagini del procedimento penale 1943/16, svolte su delega della Procura di Vicenza e realizzate anche con il contributo e la collaborazione di ARPAV.

“Le indagini del procedimento in questione – continua il comunicato – si sono peraltro concluse lo scorso gennaio e vedono attualmente dieci indagati, a vario titolo, per reati connessi all’ambiente. Ad oggi, nessun procedimento penale risulta essere stato avviato a carico di personale ARPAV. Come è noto, è stata proprio l’Agenzia ad individuare la principale fonte di contaminazione da PFAS nell’area di cui trattasi, nell’ambito delle proprie attività di controllo e monitoraggio. Si precisa altresì che ARPAV ha sempre collaborato attivamente con tutte le Autorità preposte, mettendo in atto ogni attività tecnico scientifica per contrastare gli effetti dannosi dell’inquinamento e al fine di accertare i fatti”. 

Per essere aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti al gruppo Facebook: VENETO NOTIZIE
MOSTRA BASILICA
OASIREJUVE
TEATRO
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

MOSTRA BASILICA
OASIREJUVE
TEATRO
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti