6 Dicembre 2020 - 14.21

GLI ANNI OTTANTA DI ANTONIO CORAZZIN

Antonio Corazzin ha rappresentato la Vicenza degli anni Ottanta? Per molti versi sì, e insieme a lui una gruppo di amministratori trentenni e quarantenni che hanno sognato ed immaginato un salto verso la modernità ed il colore di quell’epoca dopo il bianco e nero e la pesantezza degli anni di Piombo. E il libro di Antonio Di Lorenzo che stiamo tutti leggendo non è solo il racconto di un sindaco che ha saputo superare il luogo comune del democristiano immobile, è la storia, seppur per sommi capi, di una generazione che ha rappresentato in maniera trasversale alle appartenenze, la capacità di aderire ad una visione di città più moderna e più internazionale.  Insomma l’occasione degli ottant’anni di Tonino Corazzin, che la città dovrebbe ricordare anche in modo più solenne, ha messo intorno a Di Lorenzo, che di quella generazione è protagonista, tante intelligenze dell’epoca che hanno lasciato a chi veniva dopo non tantissime opere, ma una serie impressionante di suggestioni e lampi di modernità. Sono stati gli anni in cui sono passati per Vicenza Borges, Eco, Paolo Conte solo per citarne alcuni, ma anche Renzo Piano e tantissimi altri fuoriclasse che Corazzin ed i suoi contemporanei hanno incontrato non solo per rendere omaggio al loro talento, ma anche per raccogliere idee e sogni per la Vicenza del futuro. 

Toccanti i passaggi sui personaggi publici di allora, parte di una città che stava trasformando il suo concetto di comunità con le sfide che arrivavano dal cambio di abitudini e di stili di vita che attraversavano il Paese. Perchè Vicenza è in grado di farsi comunità che incrocia il cambiamento, ma allo stesso tempo riesce a raccogliersi in silenzio affollato e commosso per rendere l’ultimo saluto a Mariano Rumor che scompare proprio alla fine di quel decennio, quasi a sigillare la fine di un’epoca di cui siamo rimasti irrimediabilmente orfani.

Discorso a parte la politica di Palazzo Trissino, così diverso da quello di oggi eppure discontinuo anche rispetto a quello degli anni Settanta, quella di Corazzin è la politica che abbandona la complessità dei grandi partiti popolari del Dopoguerra per un pragmatismo dell’immaginare e del fare che anticipa le istanze della Seconda Repubblica. 

Antonio Di Lorenzo mette insieme tanto ed è costretto a lasciar fuori molto altro, perchè riassumere quel decennio è un’operazione gigantesca, tuttavia ci lascia molti spunti ed altrettante emozioni per noi che quegli anni li abbiamo attraversati con entusiasmo e passione avendo conosciuto ed apprezzato, nei luoghi delle decisioni della città, autentici fuoriclasse che hanno lasciato tanti successori, ma pochissimi eredi.

READY2GO
CHECKPOINT
AIM
AIM TREV
OASIREJUVE
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

READY2GO
CHECKPOINT
AIM TREV
AIM TREV
OASIREJUVE
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti