26 Giugno 2020 - 10.29

Emergenza Covid-19, ecco i numeri della Protezione civile di Brendola

Per restare aggiornato sulle notizie dell'Area Berica e Basso Vicentino aderisci al gruppo Facebook: SEI DEL BASSO VICENTINO SE...

74 giorni di attivazione, 96 squadre costituite, 192 giornate di lavoro, circa 800 ore e 5.000 km percorsi: questi gli incredibili numeri della Protezione Civile di Brendola. “Numeri che possono raccontare solo in parte il grande lavoro svolto da questa squadra in questi mesi –  spiega l’assessore alla protezione civile Alessandra Stenco.  La Protezione Civile locale, infatti, è al servizio della città dal 22 febbraio, momento in cui sono state sospese la Brendolana e altre manifestazioni a causa del primo caso di Covid all’ospedale di Schiavonia. Il servizio è terminato sulla carta il 30 maggio, ma la squadra è ancora attiva siamo sul campo con 1 donna e 11 uomini. “Il nostro gruppo – spiega Stenco – ha risposto in massa all’emergenza, dedicando il tempo disponibile emettendoci tutto il cuore. Grazie alla continua e incessante collaborazione, si è riusciti a fornire numerosi servizi durante il periodo di coprifuoco”.  “Per il paese di Brendola la Protezione Civile – spiega Stenco – è un gruppo su cui il Comune può contare per sopperire a tutte quelle mancanze in cui lo Stato purtroppo manca: grazie solo al popolo del volontariato si possono infatti eseguire servizi insostenibili a livello finanziario ma comunque in sicurezza”.

Ed è così che le principali missioni della Protezione Civile brendolana sono andate dal controllo del territorio h24 durante il periodo di lockdown al monitoraggio dell’afflusso delle persone durante il mercato settimanale, che non è stato mai chiuso, passando per la distribuzione delle mascherine in due diversi tempi di consegna sul territorio comunale: prima quelle donate dalla Regione e poi quelle donate dall’Amministrazione Comunale. Infine, il gruppo si è messo al servizio della distribuzione di spesa e farmaci tre volte alla settimana per le persone anziane e in disagio e ha presidiato l’ecocentro durante le aperture contigentate. “Ringrazio i nostri volontari – conclude Stenco – perché hanno fatto cogliere alla nostra comunità l’alto senso di solidarietà che contraddistingue Brendola. Nessuno era solo durante l’emergenza. Nessuno è stato lasciato indietro. Grazie a nome di tutta la comunità per quanto fatto in questi giorni di emergenza, svolgendo un lavoro in maniera formidabile”.

Per restare aggiornato sulle notizie dell'Area Berica e Basso Vicentino aderisci al gruppo Facebook: SEI DEL BASSO VICENTINO SE...
CHECKPOINT
AIM
AIM TREV
OASIREJUVE
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

CHECKPOINT
AIM TREV
AIM TREV
OASIREJUVE
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti