28 Ottobre 2020 - 9.13

Coronavirus, seconda ondata: attenti alle truffe del finto tampone rapido

Per essere aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti al gruppo Facebook: VENETO NOTIZIE

I truffatori professionisti sono tornati: anche in questa seconda ondata di Covid-19, gli sciacalli continuano a truffare le persone, soprattutto le più sole e anziane. Sono già giunte segnalazioni nel Vicentino del ritorno della truffa del finto addetto dell’Ulss. In pratica dei personaggi con i tesserini falsi, fingono di essere stati mandati per fare assistenza sanitaria al controllo del Coronavirus, dopo la segnalazione di un fantomatico “parente positivo”. Con questa scusa entrano in casa e mentre armeggiano con finti tamponi rapidi, derubano le vittime. Altre azioni truffaldine riguardano la fantomatica sanificazione delle banconote possedute in casa, motivo per il quale si convincono i soggetti più anziani a mostrarle o darle in affido ai sedicenti tecnici, che poi le fanno sparire. Aziende sanitarie e forze dell’ordine raccomandano i cittadini di stare accorti su eventuali truffe che potrebbero essere messe in azione nel territorio berico.

Per essere aggiornato sulle notizie del Veneto iscriviti al gruppo Facebook: VENETO NOTIZIE
AIM TREV
CHECKPOINT
AIM
AIM TREV
OASIREJUVE
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

AIM TREV
CHECKPOINT
AIM TREV
AIM TREV
OASIREJUVE
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti