24 Febbraio 2019 - 11.46

BUONGIORNO VICENZA: AIM: Vianello circondato dai nuovi amministratori

La notizia arriva nelle redazioni senza preavviso, il Sindaco è addirittura fuori città, eppure la quaterna di amministratori unici con breve curriculum viene spedito puntuale dall’ufficio stampa del comune di Vicenza. Mancano all’appello AIM Reti ed AIM Ambiente perché, versione ufficiale, si stanno valutando diversi profili.
Restando sul concreto, Francesco Rucco procede nella sua lenta marcia di rotazione delle posizioni strategiche nella galassia AIM, assistito da Gianfranco Vivian e con le comparsate di Matteo Tosetto che, almeno sulla carta, è l’assessore alle Partecipate. Tre commercialisti, esperti in materia di liquidazioni giudiziali, concordati e fallimenti ed un architetto sodale del sindaco fin dalla sua prima discesa in campo. Il disegno di Rucco inizia a prendere forma e nel volgere di poche settimane Dario Vianello, “dominus” assoluto nel quartier generale di contrà San Biagio negli ultimi dieci anni, rischia di trasformarsi in una specie di ostaggio di un Centrodestra che lo ha ormai circondato. Il fatto poi che vi sia una così alta percentuale di commercialisti esperti liquidatori sembra addirittura un obliquo messaggio al manager che ostenta tranquillità sulla sua posizione di inossidabile, ma che dovrà confrontarsi con tecnici di alto profilo immuni dalle perversioni della politica dei partiti e dalle appartenenze ai diversi clan. Il primo round in arrivo riguarda la delicata – e imbarazzante – situazione della SIT, a capo della quale Vivian e Rucco hanno piazzato un tecnico di esperienza come Gaetano Stella che dovrà vedersela con il buco di bilancio che la gestione del Centrosinistra ha lasciato in eredità e su cui aveva iniziato a lavorare anche Umberto Lago con un piglio più deciso rispetto ai suoi predecessori.
Va infine ricordato, e anche questo sembra un messaggio al Direttore Generale, che non tutti gli amministratori erano in scadenza, alcuni si sono dimessi su richiesta di Gianfranco Vivian che, nonostante l’aspetto pacifico e moderato, non ha lesinato nel sollecitare il turn over in coerenza con il cambiamento di governance generale in città. Ora sarà affiancato da tre liquidatori ed un politico come Carlo Rigon, cui spetta il “facile” compito di far dimenticare gli imbarazzi che il suo predecessore di nomina politica, Matteo Quero, aveva generato, ma nello stesso tempo di fare squadra con l’amministratore unico di AIM Holding nell’aprire la nuova stagione di scelte a San Biagio.
Prima grana, accanto al risanamento della SIT, sarà il tema delle aggregazioni con AGSM e/o Ascopiave, ma, se anche qui sarà applicato il Metodo Rucco, la prima regola è “non avere fretta”. Con calma si deciderà, e le aggregazioni potrebbero anche slittare più in là o essere rimesse radicalmente in discussione, magari riaprendo corsie con altre municipalizzate.
Il Metodo è sempre lo stesso, far sembrare di non avere idee, rallentare i processi messi in atto dal Centrosinistra e poi, quando i Soloni dell’opposizione – ma qualche volta anche vicini alla maggioranza – strepitano perché non intuiscono la “visione”, arriva il colpo, la decisione. Magari mentre il Sindaco è fuori città.

MOSTRA TIEPOLO
TEATRO
ADC
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

MOSTRA TIEPOLO
TEATRO
ADC
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
Vai alla barra degli strumenti