26 novembre 2018 - 17.01

AZIENDE- Formare il personale con la realtà aumentata, ora si può

Per essere aggiornato sulle notizie di cronaca di Vicenza e dintorni iscriviti al gruppo Facebook: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA

La realtà aumentata come strumento per formare il personale, riducendo i costi e migliorando l’efficienza produttiva. È quanto prevede il progetto messo in campo da Autoware – l’azienda vicentina che offre soluzioni di Smart Manufacturing a supporto della trasformazione digitale delle aziende manifatturiere – per Guala Clousures Group, multinazionale con sede a Spinetta Marengo (AL), leader a livello internazionale nella produzione di chiusure in alluminio per superalcolici, vino, olio e aceto, acqua e bevande, alimenti e farmaceutici. I tecnici in ambito operations del gruppo piemontese potranno così acquisire competenze specialistiche per l’utilizzo dei macchinari di produzione attraverso un’esperienza completa di realtà aumentata con la piattaforma PTC. “La realtà aumentata per le imprese manifatturiere e non solo – spiega Luigi De Bernardini, CEO di Autoware – si conferma un’opportunità per migliorare i processi produttivi abbattendo alcune voci di costo. Gli investimenti per progettualità di questo tipo si riescono ad ammortizzare in poco tempo e l’unica energia necessaria è quella per far funzionare il visore indossato dall’operatore da formare. Non solo, fare formazione con la realtà aumentata significa anche abbattere il rischio di incidenti nell’utilizzo di determinati macchinari pur preservando la sensazione di manualità tipica del lavoro dei tecnici. Per la nostra azienda – aggiunge De Bernardini – è un onore offrire un servizio all’avanguardia per una realtà strutturata nei mercati internazionali come Guala Clousures Group”. Nello specifico i tecnici formati con la realtà aumentata attraverso la piattaforma ThingWorx saranno impiegati in un ulteriore progetto pilota, anch’esso finalizzato a migliorare la produttività in un’ottica di razionalizzazione di tempi e risorse economiche. Lo scopo di tal progetto è verificare l’utilità e la fattibilità di alcune funzionalità strategiche per Guala Clousures Group in tutti i suoi stabilimenti, come l’acquisizione dati da gestionale (da SAP o IRIS); l’acquisizione di segnali da PLC con Kepware; la gestione degli allarmi; la storicizzazione dei dati di processo e dei parametri di produzione. “Guala Clousures Group, da sempre pioniere nella ricerca e innovazione di prodotto e processo – afferma Andrea Tassisto, Direttore tecnico del gruppo – ha deciso di investire importanti risorse in progetti legati all’Industria 4.0 con l’obiettivo di migliorare le performance industriali e con un focus particolare sulla manutenzione predittiva”

Per essere aggiornato sulle notizie di cronaca di Vicenza e dintorni iscriviti al gruppo Facebook: SEI DI VICENZA SE... CRONACA E SICUREZZA
AMIS
TEATRO
AMIS CAPODANNO
ADC
UNICHIMICA
VICENZAWELFARE
AIM MI RIFIUTO
AIM PARCHEGGI
CPV

Potrebbe interessarti anche:

TEATRO
AMIS CAPODANNO
ADC
VICENZAWELFARE
UNICHIMICA
AIM MI RIFIUTO
AMIS
Vai alla barra degli strumenti